Rapina in Banca a Mugnano e Montoro, individuati due napoletani

23 marzo 2011

Stamani i Carabinieri della Compagnia di Baiano hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. della Procura della Repubblica di Avellino, dott.ssa Natalia Ceccarelli, nei confronti di un 50enne e di un 27enne entrambi napoletani e pregiudicati, ritenuti responsabili delle rapine effettuate lo scorso anno in due istituti bancari di Mugnano e Montoro Superiore.
Il 21 luglio scorso, i due a viso scoperto hanno fatto irruzione nel Banco di Napoli di Mugnano del Cardinale ed armati di taglierino, si sono fatti consegnare dai due impiegati presenti in banca circa 4mila euro in contanti per poi darsi precipitosamente alla fuga. Dopo due mesi circa, precisamente il 30 settembre, a Montoro Superiore, sempre questi armate di taglierino hanno fatto irruzione all’interno della sede del Banco di Napoli e si sono fatti consegnare dagli impiegati circa 5mila euro in contanti per poi rinchiudere in bagno gli impiegati ed i sei clienti presenti al momento.

L’INDAGINE – Meticolosamente i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Baiano e della Stazione di Montoro Superiore, in questi mesi hanno visionato attentamente i filmati, e hanno accertato che a mettere a segno entrambe le rapine erano stati sempre gli stessi individui che nello specifico, durante la rapina alla filiale di Montoro Superiore, avevano indossato delle parrucche per depistare gli investigatori. Con il tempo i carabinieri sono riusciti a raccogliere tutti gli elementi di un complicato sistema che però alla fine ha portato all’individuazione dei due malviventi.
L’attività posta in essere si è resa possibile solo attraverso la stretta collaborazione tra i Carabinieri e la Procura della Repubblica di Avellino, guidata dal dott. Angelo di Popolo, che ha portato sia il Pubblico Ministero, dott.sa Antonella Salvatore, che il GIP, dott.ssa Natalia Ceccarelli, a concordare pienamente con le risultanze investigative dei Carabinieri, attraverso le quali si è riusciti ad arrivare all’emissione delle due ordinanze di custodia cautelare in carcere per concorso in rapina aggravata, sequestro di persona e porto e detenzione abusiva di armi nei confronti di altrettanti pregiudicati napoletani. Le notifiche sono state eseguite nella mattinata di oggi ad entrambi i soggetti che già si trovavano in carcere per reati analoghi.