Quinoa: benefici e proprietà di un prezioso alimento “gluten free”

Quinoa: benefici e proprietà di un prezioso alimento “gluten free”

7 marzo 2016

Negli ultimi tempi la ricerca scientifica appare sempre più interessata ai benefici derivanti dalla quinoa, che risulta un alimento sempre più adoperato anche nelle ricette di grandi chef italiani e di cui si parla, esaltandone la bontà, in note trasmissioni a carattere culinario.

Ma cos’è la quinoa?

Si tratta di una pianta erbacea coltivata principalmente in Perù e in Bolivia i cui semi, sottoposti a macinazione, forniscono una farina che, contenente soprattutto amido, la inserisce nel settore merceologico dei cereali nonostante non appartenga alla famiglia botanica né delle graminacee né delle poacee. Ciò che la rende diversa dai comuni cereali è quindi la totale assenza di glutine. La si trova in commercio sotto forma di chicchi o di farina, in base agli utilizzi desiderati.

Questo “pseudo cereale” rappresenta una preziosa fonte di fibre, vanta un elevato valore proteico e contiene diversi sali minerali come ferro e calcio. Le sue eccellenti proprietà nutritive si riscontrano anche nella presenza di vitamina E, in un maggiore contenuto di antiossidanti rispetto ai prodotti a base di frumento o ad alcuni prodotti privi di glutine, e nella ricchezza in amminoacidi. In questo senso, infatti, è utile sottolineare che contiene tutti gli amminoacidi essenziali indispensabili al corretto funzionamento dell’organismo (istidina, isoleucina, leucina, lisina, metionina, fenilalanina e triptofano), presentando al tempo stesso un buon equilibrio tra proteine e carboidrati.

A livello concreto, nella dieta, il consumo di quinoa è sempre più consigliato in diverse circostanze e necessità: nei casi di difficoltà digestive (essendo un alimento facilmente digeribile), nelle diete dimagranti (essendo molto saziante e utile per controllare l’appetito), nei casi di diabete di tipo 2 (per tenerlo sotto controllo, per gestire l’ipertensione associata e perché è un alimento con basso indice glicemico).

A livello gastronomico, infine, la quinoa risulta un ingrediente interessante per gustose ricette invernali o nella preparazione di minestroni, unita a ortaggi e legumi di stagione, come lenticchie, ceci e fagioli, ma anche mischiata a funghi, zucca, cavoli. Ma anche in vista della primavera, oppure in piena stagione estiva, è un ingrediente utile per comporre originali insalate con verdure dell’estate, per accompagnare piatti a base di pesce, oppure insieme a formaggi o sotto forma di burger, soprattutto per chi segue una dieta vegetariana. La farina di quinoa, in forma assoluta o mescolata a farine di cereali, è indicata per tutti gli utilizzi consueti della farina quindi per la produzione di dolci, pasta o pane.


Latests News

Ciampi modifica l’ordinanza antismog. Ecco i dettagli

Il sindaco di Avellino, Vincenzo Ciampi, ha firmato una nuova

19 ottobre 2018

Emergenza Indonesia, un concerto al Duomo di Avellino per la raccolta fondi Unicef

A seguito della crisi umanitaria causata in Indonesia dal terremoto

19 ottobre 2018