Querelle Richmond-Moschillo: guai per l’imprenditore arianese

Querelle Richmond-Moschillo: guai per l’imprenditore arianese

10 giugno 2017

C’è un ennesimo capitolo nella guerra tra gli ex soci, lo stilista inglese, John Richmond e il manager originario di Ariano Irpino, Saverio Moschillo, titolare della Biver srl, assieme ad Alessandra Moschillo.

Come riporta Repubblica, questi ultimi due sono stati infatti denunciati per produzione e vendita di prodotti con marchio Richmond (e associati), che non avevano più titolo a produrre e vendere. Oltre mille capi di abbigliamento e accessori per un valore complessivo di circa un milione e mezzo di euro sono stati sequestrati dalla Polizia locale.

L’insegna del negozio di via Bigli, in pieno Quadrilatero della moda, è stata rimossa.

La diatriba ha avuto inizio dopo che la società FashionEast Sarl, titolare del marchio Richmond e il creatore e ideatore John Christopher Richmond hanno denunciato l’ex socio, Salvatore Moschillo, per aver continuato a produrre i marchi, nonostante non fosse più socio e avesse perso ogni titolo di rappresentante in Italia. Complessivamente, tra i negozi di Milano e il centro di produzione di Forlì,

Sono stati sequestrati migliaia di capi di abbigliamento e accessori dei vari marchi per un valore di decine di milioni di euro.

Lo scorso 31 gennaio vigili e carabinieri erano già intervenuti nella boutique di via Bigli, di proprietà di Moschillo, per oscurare l’insegna e sequestrare migliaia di capi di abbigliamento.

(Foto Repubblica)