Quarto appuntamento con Il Cimento dell’Armonia e dell’Invenzione

6 giugno 2013

Il Cimarosa, con la rassegna concertistica “Il Cimento dell’Armonia e dell’Invenzione” ha finora incontrato la città con una serie di concerti cui hanno fatto da sfondo alcuni tra i più bei palchi del nostro territorio. Dal convento delle Suore Benedettine di Mercogliano al Duomo di Avellino alla chiesa di San Generoso, finora i musicisti del Conservatorio hanno riempito di armonia luoghi dedicati al culto. Dal prossimo concerto l’Istituto Musicale invita i cittadini nella propria struttura, il luogo dove la musica nasce. L’Auditorium Vitale offrirà la scena a “I trii di Fritz Spindler” con Mario Dell’Angelo al violino, Antonio Colonna al violoncello e Simonetta Tancredi al pianoforte venerdì 7 giugno alle 19,30. (L’accesso è da via Circumvallazione a causa dei lavori in corso in piazza Castello). Il compositore e pianista tedesco, nato in Turingia nel 1817 e morto a Dresda nel 1905, in Italia è conosciuto solo per composizioni come la Sonatina dedicata all’infanzia o la Cavalcata degli Ussari per pianoforte a quattro mani. Fu, invece, un compositore molto prolifico nella produzione cameristica, nella quale risalta un quartetto per pianoforte ed archi e un quintetto per fiati e pianofote, oltre ai trii che saranno presentati nel concerto. Ma compose anche notturni per pianoforte e una polacca, tre sinfonie e musica da danza. I concerti della rassegna sono frutto dell’attenzione che il Conservatorio Cimarosa , grazie alle scelte dei maestri che svolgono attività didattica e di ricerca, riserva agli autori “ingiustamente” poco conosciuti dal grande pubblico, che meritano, invece, di essere eseguiti e ascoltati per il grande valore della loro produzione e la bellezza delle loro opere. “Per quanto riguarda Spindler – ci tiene a puntualizzare il vice direttore del Conservatorio, Antonio Di Palma – le biblioteche in Germania e Francia sono ricche di documenti che ne attestano la fama, aumentata dal fatto che il compositore attraversò più epoche musicali, sviluppando un repertorio ricco di contenuti, a causa della sua longevità. Purtroppo finora è stato poco conosciuto in Italia. E’ tempo di porvi rimedio”.

Al programma concertistico proposto dal Conservatorio Cimarosa con le manifestazioni che si stanno svolgendo in queste settimane si affianca una continua attività di divulgazione dei saperi musicali che offrono momenti di approfondimento aperti anche agli appassionati. Questi momenti permettono di avvicinarsi a specifiche tematiche, lasciandosi portare per mano da esperti docenti e dagli interventi musicali degli allievi . Uno di questi è in programma proprio per domani, venerdì 7 giugno alle 16,30 nell’Aula 41 del Conservatorio ed è curato dalla docente M° Maria Pia Cellerino. Il tema della lezione-concerto è LA SONATA : metamorfosi di una Forma Musicale attraverso i secoli. Il programma musicale prevede l’esecuzione di brani di Domenico Cimarosa ( Sonata in Sib maggiore-sonata in La maggiore); Domenico Scarlatti (Sonata in Re minore-Sonata in Sol maggiore-sonata in Re maggiore); Muzio Clementi (sonata in Sol minore op.7 n.3); F. Joseph Haidn (Sonata Hob XVI n. 34 in Do# minore); Ludwig Van Beethoven (Sonata Hob XVI n. 34 in Do# minore). Gli allievi esecutori: Enrico Venezia; Davide Totaro; Elisabetta Furio; Carmen Alfieri; Claudio Siano.