Puleo: “In B per restarci”: parola di capitano

20 giugno 2005

Simone Puleo non sta più nella pelle. Il capitano dei lupi, ha le lacrime agli occhi per un obiettivo raggiunto con cuore e grinta. Prestazione da incorniciare per, lui che a due anni di distanza, bissa quella ottenuta sotto la gestione Vullo: “Rispetto a quella di Crotone, questa ha un sapore particolare perché l’ho ottenuta da capitano e sul mio campo”. Ancora una grande gara, a dimostrtazione del grande attaccamento ai colori biancoverdi: “Ho dimostrato con i fatti di non essere un ‘venduto’. Tutte quelle dicerie su di me mi hanno ferito, ma non abbattuto. Io sono contentissimo di essere un calciatore dell’Avellino e spero di rimanere in questa società ancora a lungo. Il mio contratto scadrà il 2007, fino ad allora spero di essere il capitano di questa squadra”. Quindi resti ad Avellino? “Se non me ne mandano…” In B per non lasciarla più? “Dopo la delusione dello scorso anno non voglio assolutamente più abbandonarla. Con questi colori ho intenzione di arrivare più in alto possibile”. “E’ stata una grandissima prestazione-afferma Raffaele Ametrano- Abbiamo giocato alla grande, dimostrando ancora una volta di essere superiori al Napoli. Non potevamo deludere questo magico pubblico”. (essegi)