Provincia – Crisi Flectronics: spuntano i fratelli Pugliese

1 luglio 2005

Flextronics: un momento difficile sfociato in un incontro che ha avuto luogo questa mattina a Palazzo Caracciolo tra la presidente Alberta De Simone, i sindacati Fiom Cgil, Fim Cisl e Uilm Uil ed i lavoratori dell’azienda di Pianodardine i cui vertici avrebbero manifestato l’intenzione di abbandonare lo stabilimento irpino per effettuare una delocalizzazione delle produzioni nei paesi asiatici. Una chiusura che comporterebbe il rischio di licenziamento di circa 400 unità lavorative. Per questo le rappresentanze sindacali hanno chiesto l’intervento della Provincia, affinché l’Ente eserciti un ruolo attivo nella vertenza prendendo parte anche all’incontro presso il Ministero del Lavoro. E nella crisi sembra intravedersi uno spiraglio. Ci sarebbero, infatti, alcuni imprenditori irpini interessati all’acquisto dello stabilimento. E sembrerebbe che gli interessati siano i già famosi fratelli Pugliese. La presidente, dunque, si è impegnata ad avviare contatti al fine di assicurare la ripresa produttiva della Flextronics nonché il mantenimento dei livelli occupazionali. Nella stessa seduta è stata affrontata anche la questione dei 105 lavoratori della Elcon Magarad, da tempo in sciopero ad oltranza. Due le richieste sottoposte all’attenzione della De Simone: accelerare i tempi per un incontro presso il Ministero ed aprire un confronto con il presidente della Elcon per individuare alternative alla messa in mobilità.