Prova ad introdurre droga nel carcere di Bellizzi, ma viene bloccato dall’unità cinofila

Prova ad introdurre droga nel carcere di Bellizzi, ma viene bloccato dall’unità cinofila

28 Giugno 2019

Stamane, la Polizia penitenziaria in servizio al carcere di Bellizzi ha portato a termine con successo un’operazione anti-droga. Grazie all’azione del Nucleo Cinofili, coadiuvato dall’alta professionalità degli addetti ai colloqui, gli agenti hanno individuato, addosso a un familiare in visita, un quantitativo di droga, probabilmente destinata ai detenuti.

A darne notizia è il dirigente Nazionale Maurizio Russo e il segretario regionale Vincenzo Palmieri del sindacato autonomo di polizia penitenziaria OSAPP.

“Un plauso ed vivo compiacimento al personale tutto che seppur in grave carenza di organico, di strumentazione, di turni massacranti, di condizioni lavorative deprecabili senza alcuna sicurezza e tutela, espleta il proprio lavoro con abnegazione, caparbietà e viscerale professionalità – dichiara il sindacato -. É doveroso da parte nostra darne notizia e massimo risalto ai mass media del lavoro svolto, dei risultati conseguiti, nonostante siano costretti a lavorare con mille difficoltà”.

“Grazie di cuore, grazie per tutto ciò che fate, sempre al vostro fianco per tutelare il vostro lavoro che sia svolto sempre con assoluta serenità e sicurezza”, conclude la nota.