Protezione contatori idrici, la nota dell’Alto Calore

Protezione contatori idrici, la nota dell’Alto Calore

21 febbraio 2018

L’Alto Calore comunica le norme per la corretta protezione dei contatori idrici in vista del preannunciato abbassamento delle temperature.

La corretta custodia dei contatori dell’acqua spetta ai clienti e alcuni semplici accorgimenti possono evitare disagi nella fruizione del servizio e soprattutto spese impreviste. I contatori più soggetti a rotture da gelo sono quelli esterni (nei bauletti o nelle nicchie) o quelli situati in locali non isolati o in abitazioni utilizzate raramente.

In presenza di contatori collocati in vani o in nicchie esterne ai fabbricati, in locali non riscaldati o non abitati, se la temperatura esterna dovesse rimanere per più giorni sotto lo zero, è consigliabile lasciare che da un rubinetto di casa fuoriesca un filo d’acqua (così come previsto dal Regolamento di Alto Calore Servizi S.p.A.). È sufficiente una modesta quantità, per evitare inutili sprechi.

I contatori maggiormente a rischio di congelamento sono quelli collocati all’esterno dei fabbricati che devono essere rivestiti di materiale isolante come polistirolo o poliuretano espanso, materiali facilmente reperibili presso rivenditori del settore edile. Lo spessore dei pannelli deve essere di almeno tre/quattro centimetri.

I rivestimenti devono consentire la lettura del quadrante del contatore, con un semplice spostamento e riposizionamento del rivestimento.

Per quanto riguarda le tubazioni è necessario avvolgerle con tubo isolante flessibile in elastomero a celle chiuse per isolamento termico. Non avvolgere le tubature dell’acqua con lana di vetro o stracci, perchè si tratta di materiali che assorbono acqua e che, ghiacciandosi, possono aumentare il rischio di guasti.

Se il contatore risulta già congelato ma non ancora rotto, è opportuno avvolgere il contatore con una coperta vecchia o con dei giornali, aspettando che si scongeli.

Nel caso si riscontri la rottura del contatore, occorre chiamare tempestivamente il numero di emergenza abbinato al Distretto di appartenenza dell’utenza.
Se invece il danno è nell’impianto interno dell’utenza, bisogna chiudere subito la valvola generale dell’acqua e chiamare un idraulico di fiducia per le necessarie verifiche e riparazioni.

Per maggiori informazioni a riguardo è possibile consultare anche il sito dell’Alto Calore: http://www.altocalore.eu/.