Pronto a spacciare droga in trasferta: in manette tifoso irpino

Pronto a spacciare droga in trasferta: in manette tifoso irpino

19 maggio 2018

Nessuna trasferta per un tifoso irpino, incesurato e membro del gruppo ‘Ultras’.

L’uomo, infatti, sarebbe stato bloccato prima della partenza per Terni, dove ieri si è disputata la partita decisiva per l’Avellino,  perché in possesso di un’ingente quantitativo di droga.

Per questo motivo gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Avellino hanno arrestato il 43enne con l’accusa di detenzione ai fini dello spaccio di sostanze stupefacenti.

All’identificazione del pusher gli agenti sono giunti a conclusione di una mirata attività info-investigativa: il tifoso, secondo quanto evidenziato dalla Polizia, approfittando delle gare esterne dell’Avellino calcio, avrebbe voluto sfruttare il momento della trasferta per vendere droga ad altri supporters irpini.

I poliziotti, per fortuna, sono riusciti a rintracciarlo proprio mentre era in procinto di partire alla volta del comune umbro.

Fermato in prossimità della propria abitazione i poliziotti, grazie ad un’accurata perquisizione, hanno scoperto che l’uomo nascondeva in uno zainetto e nelle tasche dei pantaloni ben 17 dosi di cocaina dal peso di 16 grammi  ed una busta in cellophane contenente 26 grammi di marijuana.

Inoltre, in casa, l’uomo aveva nascosto all’interno di un barattolo da cucina altri 112 grammi tra cocaina, hashish e marijuana, banconote di vario taglio, un bilancino di precisione ed attrezzi idonei al confezionamento delle singole dosi.

Il sequestro dei complessivi 154 grammi di droga  ha così interrotto l’illecita attività dell’uomo che, dopo le formalità di rito, è stato associato presso la locale Casa Circondariale Irpina a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.