Pro Vercelli-Avellino, le probabili formazioni

Pro Vercelli-Avellino, le probabili formazioni

25 marzo 2018

Claudio De Vito – Appuntamento salvezza per l’Avellino chiamato a sprintare nella zona pericolosa della classifica. Il pareggio di rimonta con il Pescara ha rinfrancato il gruppo, generoso e caparbio nel fornire una risposta a livello caratteriale dopo la delusione di Salerno. Ora però è necessario alzare il tiro per creare i presupposti di messa in sicurezza della stagione.

Novellino deve rinunciare a Bidaoui e allora vara nuovamente il 3-5-2 con Castaldo e Ardemagni di punta. D’Angelo è a mezzo servizio e va in panchina. Rientra dalla squalifica invece Molina che agirà da interno al pari di Gavazzi con Di Tacchio riferimento davanti alla difesa. Nella linea a tre ci sarà Morero, mentre Migliorini è in vantaggio su Kresic nel ballottaggio.

L’altro dubbio è a sinistra dove Rizzato è favorito su Falasco. Radu titolare ma soltanto con la Romania Under 21 ieri in Inghilterra: in porta ci va Lezzerini. Morosini non è ancora pronto. Il 3-5-2 come via maestra verso il “Piola” ma Novellino potrebbe sorprendere con l’adozione di un 4-3-1-2 inedito dal 1’. In tal caso Gavazzi o Cabezas tra le linee.

Sul fronte Pro Vercelli Grassadonia, che ha definito determinante ma non decisiva la gara con i lupi, recupera Alcibiade in difesa e ritrova Ghiglione sulla fascia destra dove invece si defila Berra. Nelle retrovie Konatè paga addirittura con l’esclusione dai convocati la sciagurata prova di Carpi. Vives recita di nuovo la parte di attore protagonista della mediana al posto dell’ex Paghera. Germano e Castiglia sentinelle ai suoi fianchi.

In avanti Morra torna a fare la voce grossa nelle gerarchie scalzando Raicevic e Kanoutè si gioca il posto con Reginaldo. La Pro Vercelli non vince e non segna in casa dal 27 gennaio. In settimana la società ha creato i presupposti per la bolgia al “Silvio Piola” dove ci saranno anche 150 tifosi biancoverdi.

Le probabili formazioni di Pro Vercelli-Avellino:

Pro Vercelli (3-5-2): Pigliacelli; Alcibiade, Gozzi, Bergamelli; Ghiglione, Germano, Vives, Castiglia, Mammarella; Morra, Kanoutè.

A disp.: Gilardi, Berra, Raicevic, Altobelli, Rovini, Paghera, Bifulco, Gatto, Ivan, Pugliese, Jidayi, Reginaldo. All.: Grassadonia.

Squalificati: nessuno.

Indisponibili: Alex, Bertosa, Da Silva, Grossi, Konatè.

Ballottaggi: Alcibiade-Jidayi 55%-45%; Morra-Raicevic 55%-45%; Kanoutè-Reginaldo 55%-45%.

Avellino (3-5-2): Lezzerini; Migliorini, Morero, Ngawa; Laverone, Gavazzi, Di Tacchio, Molina, Rizzato; Castaldo, Ardemagni.

A disp.: Casadei, Pecorini, Marchizza, Kresic, Vajushi, D’Angelo, Falasco, De Risio, Cabezas, Wilmots. All.: Novellino.

Squalificati: Asencio.

Indisponibili: Bidaoui, Iuliano, Lasik, Moretti, Morosini, Radu.

Ballottaggi: Migliorini-Kresic 55%-45%; Rizzato-Falasco 55%-45%.

Arbitro: Di Martino di Teramo. Assistenti: Cipressa di Lecce e Chiocchi di Foligno. Quarto uomo: Rapuano di Rimini.