Prima Cat. – Real Ariano in finale, il Savignano esce con onore

8 giugno 2014

Il Real Ariano soffre contro un grande Savignano ma porta a casa il pareggio finale che gli consente di affrontare il Teora nella finalissima interna al Girone D. Al 7’ subito doccia fredda per i padroni di casa. Marinaccio riceve palla al limite e prova un piazzato che termina la sua corsa in fondo alla rete: 0-1. Il Real prova a reagire e lo fa con la sua coppia d’attacco: Di Biase recupera palla sulla trequarti e serve Di Fenza che non sbaglia, 1-1. Nella ripresa grande agonismo e poche occasioni da rete. Al 29’ azioni di Di Biase che verticalizza per Di Iesu abile ad incrociare per il 2-1 a favore della formazione guidata da mister Pisani. Il Savignano non ci sta e trova il goal del pari tre minuti più tardi con Cavotta che dribbla il suo diretto avversario e scarica una bordata sul primo palo. La squadra di Marinaccio proprio al 90’ avrebbe l’opportunità di chiudere i giochi ma Armonico tira debolmente e spreca. Si va ai supplementari con il Savignano alla ricerca del goal vittoria ed il Real che si rende pericoloso in ripartenza. La partita si incattivisce con qualche rissa sfiorata e due espulsioni, una per parte, di Di Iesu e Gaudiello. Il risultato non cambia e la compagine cara al presidente Puorro potrà preparare la delicatissima gara contro il Teora. Il Savignano, dal canto suo, esce a testa alta dal torneo. Le dichiarazioni a caldo dei due tecnici:

Pisani: “I ragazzi hanno reagito bene dopo il goal a freddo. Siamo contenti ma ora ci aspetta una settimana di lavoro importante per arrivare pronti alla sfida esterna contro il Teora. Ce la metteremo tutta. Dispiace per Di Iesu che salterà la gara per squalifica e soprattutto per un clima avverso alla squadra sugli spalti. Ora pensiamo al Teora.”
Marinaccio: “Nonostante il risultato sfavorevole, voglio ringraziare ancora una volta i miei ragazzi. Il tributo di applausi dei 400 che hanno riempito gli spalti del Renzulli è la prova della nostra stagione straordinaria. Abbiamo fatto un campionato strepitoso ed una grande gara qui ad Ariano, contro una corazzata che conta nelle proprie fila calciatori di livello superiore. E’ un motivo d’orgoglio per me, per la società e per gli stessi ragazzi.”