Prevenire è meglio che curare: Graziani tiene l’Avellino sul pezzo

Prevenire è meglio che curare: Graziani tiene l’Avellino sul pezzo

10 ottobre 2018

di Claudio De Vito – Meglio un rimprovero oggi che un calcio nel sedere domani. Prevenire è meglio che curare. O ancora per farla breve: Archimede Graziani non ammette cali di concentrazione dopo il 3-0 sul Cassino che ha confermato il primato dell’Avellino (ora a +1 sul Trastevere che ha vinto il ricorso contro il Castiadas guadagnando due punti) e in allenamento ha alzato la voce in più di un’occasione. Serenità sì ma anche tensione ai giusti livelli per non perdere di vista la continuità di risultati che domenica farà tappa a Fregene, tana dell’SFF Atletico.

Mister Graziani ne ha avuto per tutti durante la seconda seduta giornaliera, persino per il giovanissimo preparatore dei portieri Fabio Patuzzi con il quale è sorta una diversità di vedute sul posizionamento del portiere Domenico Longobardi in partitella. I decibel dei vigorosi richiami dell’allenatore toscano hanno risuonato in tutto lo stadio raggiungendo ogni angolo degli spalti naturalmente vuoti.

L’Avellino primo in classifica ha bisogno di rimanere sul pezzo. Il messaggio è stato recepito in pieno dai calciatori biancoverdi che durante la partitella a campo ridotto non hanno risparmiato contatti di gioco al limite. Nessuno molla un centimetro, ognuno vuole emergere nel gruppo per farsi trovare pronto agli occhi dell’allenatore. E c’è stato anche chi, come Matteo Gerbaudo, ha richiamato all’ordine Michael Scarf reo di aver atterrato con troppa superficialità Alessio Tribuzzi in area. “Questo la domenica è rigore” ha fatto notare il centrocampista al compagno di squadra ghanese a proposito di concentrazione che non deve mai mancare durante la settimana e in partita.

Dal campo a bordo campo dove Alessandro De Vena e Kelvin Matute hanno assistito al lavoro dei compagni condito dall’escalation dialettica. Dopo la corsa di ieri, l’attaccante ha rallentato limitandosi ai box con le terapie del caso. La sua presenza dal 1′ a Fregene rimane in bilico. Il mediano camerunense invece si è fermato per via di un affaticamento e domani dovrebbe essere regolarmente a disposizione per il test delle 15 contro la formazione Juniores.

Sta bene invece Nicolas Mithra che mister Graziani ha intenzione di rilanciare nell’undici titolare dopo un mese di stop. Il francese originario delle Mauritius è stato schierato alto a sinistra nel 4-4-2 con Fabiano Parisi alle sue spalle durante la partitella a ranghi misti. Il quarto under giocherebbe in mediana (Francesco Buono) oppure in avanti accanto a Ferdinando Sforzini affiancato oggi da Luigi Mentana, ma che potrebbe agire con Ele Tompte a supporto. La sgambata con la Juniores fornirà maggiori indicazioni.