Premio Giornalistico nazionale “Geppino Tangredi”, tra i premiati anche l’irpina Barbara Ciarcia

Premio Giornalistico nazionale “Geppino Tangredi”, tra i premiati anche l’irpina Barbara Ciarcia

11 aprile 2019

Premio Giornalistico nazionale “Geppino Tangredi”, tra i premiati anche l’irpina Barbara Ciarcia. Diverse le novità introdotte in questa edizione che gode del patrocinio morale di numerosi comuni, dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, dell’Ucsi Campania, della Fondazione nazionale Studi Tonioliani – Campania, di Movimento Forense Potenza, e delle associazioni “Prometeo” di Torre del Greco e “Buona Sanità – Molisannio”.
Novità che riguardano innanzitutto gli ospiti e i premiati. Giornalisti ed esperti si confronteranno Sabato 13 aprile a Montesarchio (Bn) nell’ambito del convegno su “Cibo e Informazione: la sfida della qualità” inserito nella cerimonia di premiazione dei vincitori della terza edizione del Premio Giornalistico nazionale “Geppino Tangredi” in programma alle 9,30 nel Passeggiatoio dell’ex Convento delle Clarisse di via Santa Maria.
Cibo e territorio ma anche promozione delle eccellenze attraverso l’informazione è stato il tema scelto per l’edizione targata 2019.

“L’edizione targata 2019 – dichiara Maria Tangredi presidente del Premio – sarà differente dalle due precedenti in quanto oltre alla premiazione dei vincitori del concorso – premio, saranno “premiati” con una targa personalità del mondo accademico, istituzioni e giornalisti che con il loro impegno quotidiano valorizzano, comunicano o, proteggono i territori. Tra i premiati ci sarà Barbara Ciarcia giornalista de “Il Mattino” e direttore di XD Magazine che solo qualche giorno fa è stata fatta oggetto di minacce. Barbara ha concorso come giornalista ma il riconoscimento che le verrà consegnato assumerà un significato più forte. Le minacce non fermano nessuna persona che ha la schiena dritta. Sia un giornalista o no. Il premio dedicato a Geppino Tangredi ( di cui quest’anno ne ricorono i 25 anni della sua prematura scomparsa) significa anche questo. Non solo tramandarne la memoria ma segnalare alla società civile giovani, persone, studenti e giornalisti che si distinguono”. Premio che quest’anno sarà consegnato a Marcellino Monda preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università “Vanvitelli” di Caserta, Angelo Cerulo direttore dell’Ansa Campania, Domenico Raimondo Presidente del Consorzio Mozzarella di Bufala Campana, Peppino Colarusso presidente Fibes Nazionale e del Premio Sublimitas, alla Scuola Militare Nunziatella e alla “guest star” Cav. Armando Enzo De Matteis patron di “Pasta Armando” .

“Sarà un’edizione diversa – afferma l’avvocato Nicola Michele Tartaglia vice presidente del Premio – non solo per i premiati e per il concorso che ha visto la numerosa partecipazione di tanti giovani e scuole oltre che il riconoscimento a persone e giornalisti impegnati quotidianamente in “missioni” non facili, ma anche perché il premio dedicato a Geppino, un giornalista che amava il suo lavoro e la sua terra, è una occasione per promuovere in questa edizione, le tipicità e anche i talenti che troppo spesso non emergono per mancanza di iniziative culturali. Il nostro premio si candida ad essere anche questo”.
Ad accogliere gli ospiti ci saranno le studentesse dell’istituto alberghiero “Aldo Moro” di Montesarchio. Qualcuna farà anche da modella alle creazioni che presenterà Giuseppe Ottaiano inserite nel suo libro “Campania Bellezza del Creato” sfilando con foulard e cappelli. Manifestazione che sarà coordinata dal giornalista de Il Mattino Franco Buononato e presieduta dal Presidente dell’Ordine dei giornalisti della Campania Ottavio Lucarelli.

Al tavolo dei relatori siederanno il Procuratore della Repubblica di Isernia Carlo Fucci, il presidente di Confindustria Benevento Filippo Liverini, il presidente dell’Ucsi Campania Giuseppe Blasi, il giornalista Francesco Manca responsabile per la Campania ed il sud Italia della Fondazione Studi Tonioliani, il direttore di Realtà Sannità e presidente di Assostampa sannita Giovanni Fuccio, il comandante dei Nas Salerno Vincenzo Ferrara.
Tra le scuole premiate per il maggior numero di lavori presentati c’è l’istituto omnicomprensivo di Cervinara (Av), l’istituto comprensivo di Colle Sannita ed il liceo classico e scientifico “Lombardi” di Airola, oltre agli studenti che hanno partecipato in forma singola o in gruppo. Giornalisti in erba che per l’edizione numero tre si sono cimentati in elaborati, disegni e realizzazione di un servizio da tg.