VIDEO/ Ponte delle Filande, pronti i lavori di ampliamento. Biancardi: “Tra un anno sarà tutto completato”

1 febbraio 2019

Presentati, durante la conferenza stampa di stamattina, i lavori di “ampliamento del ponte delle Filande” lungo il torrente Fenestrelle nel territorio del comune di Atripalda e quelli di riqualificazione del fiume Sabato.

“Abbiamo interpretato le esigenze del Consiglio comunale, degli amministratori locali redigendo un bilancio che riguarda i lavori da fare sul fiume Sabato – spiega il presidente Biancardi – di cui ben conosciamo la pericolosità”.

I lavori prevedono il rifacimento delle sezioni idriche del fiume per circa 800 metri nel centro di Atripalda, lungo il tratto compreso tra il ponte all’altezza del mercato ortofrutticolo e il ponte della strada per Manocalzati. L’intervento è  stato suddiviso in due lotti di cui uno in via di completamento e l’altro che sta per iniziare: “Presto saranno avviati i lavori – dice Biancardi – del secondo lotto per il quale è previsto un finanziamento di circa un milione e 800mila euro”.

Il Sabato avrà dunque un nuovo look: prevista una ‘savanella’ centrale utile a far defluire l’acqua con tratti ricoperti da massi e opere in cemento rivestite con la pietra locale; poi, una ‘passeggiata’  lungo via Gramsci e via Fiume con un nuovo impianto di illuminazione. “Il fiume  – prosegue Biancardi – ha un ruolo strategico per la città. Rassicuriamo i cittadini che tra un mese partiranno i lavori. Il primo lotto è in via di completamento ed entro un anno ci sarà la risoluzione definitiva”.

Per quanto riguarda il torrente Fenestrelle, i lavori da fare lungo il ponte delle Filande sono di ampliamento. Gli interventi previsti nel progetto esecutivo sono, infatti, finalizzati alla mitigazione del rischio idraulico. Pertanto, è prevista la demolizione dell’intero ponte.

Nella sala consiliare del Municipio di Atripalda, oltre al presidente della Provincia, Domenico Biancardi, anche il sindaco Giuseppe Spagnuolo, l’assessore Massimiliano Del Mauro, il consigliere comunale delegato, Salvatore Antonacci, e i funzionari e i tecnici della Provincia.