Politiche, dalla Segreteria Regionale al Nazareno: Pd, pronti i nomi

Politiche, dalla Segreteria Regionale al Nazareno: Pd, pronti i nomi

4 gennaio 2018

La segreteria regionale si è riunita per definire il percorso che porterà il Pd alla decisiva competizione elettorale del 4 marzo.

La discussione, che ha registrato un largo consenso e una forte compattezza, si è incentrata innanzitutto sulla valorizzazione delle misure adottate in questi cinque anni di legislatura, a partire dal Reddito di inserimento che vede le Campania con il più alto numero di richieste, dalle misure per il Mezzogiorno varate dai governi Renzi e Gentiloni, dai risultati dell’azione di governo regionale.

“E’ nostra intenzione – si legge nella nota – costruire una campagna elettorale basata sul radicamento territoriale e sull’ascolto dei cittadini, nel pieno rispetto delle indicazioni che sono emerse dalle consultazioni provinciali e in uno spirito di collaborazione con i nostri alleati di coalizione.

In tale prospettiva è stato affrontato il tema della rappresentanza elettorale del Partito democratico, che vede la Campania tra le regioni decisive per l’affermazione del centrosinistra a livello nazionale. A tal riguardo si è valutata la necessità di individuare per ogni singolo collegio le candidature che più saranno in grado di essere competitive e di rappresentare pienamente i territori, partendo dalla valorizzazione del lavoro svolto dai rappresentanti in Parlamento uscenti e delle funzioni di Governo.

Allo stesso tempo è stata sottolineata la necessità di valorizzare le nuove energie che nel corso di questi anni si sono affacciate alla militanza e alla partecipazione politica, le risorse dei territori, le proposte dei Giovani democratici, le esperienze politiche e civiche, dalle quali emergeranno certamente le personalità che sapranno rappresentare al meglio il programma dei prossimi cinque anni di governo del centrosinistra.

Con questo spirito la segreteria regionale si confronterà con i livelli nazionali, avendo la piena responsabilità di comporre unitariamente una proposta all’altezza della sfida”.