Pignataro (Anespp): “Dati allarmanti in Irpinia sul consumo di droga”

Pignataro (Anespp): “Dati allarmanti in Irpinia sul consumo di droga”

27 dicembre 2018

Marco Imbimbo – “I dati allarmanti emersi dalla mappa sulla tossicodipendenza in provincia di Avellino, pubblicato dal servizio Infodata del Sole 24 Ore, devono fare riflettere tutti.” Il dottore Salvatore Pignataro, Direttore del Centro Studi per la Sicurezza Pubblica e Privata dell’ANESPP, Segretario Regionale della Campania dell’Associazione Criminologi per l`Investigazione e la Sicurezza e Componente dell`Accademia Nazionale di Scienze Forensi, interviene sul fenomeno del consumo di sostanze stupefacenti in Irpinia.

“Se si considera che le province di Salerno e Avellino sono quelle con maggiori segnalazioni alle prefetture di soggetti considerati abituali consumatori c`è da ritenere che su 325 soggetti sorpresi in Irpinia nel 2018 con quantità di sostanza ritenute ad uso personale, nel 93% dei casi si tratta di nuovi assuntori. Da ciò – spiega Pignataro – si
deduce che oltre al grande lavoro delle forze dell`ordine bisogna fare ancora molto”.

“Tra gli interventi da mettere in campo – prosegue Pignataro – sarebbe opportune ad esempio, firmare una protocollo interistituzionale tra Ufficio scolastico provinciale, prefettura, Asl, comuni e le forze dell`ordine per sensibilizzare e reprimere soprattutto gli studenti di ogni ordine e grado ad assumere e spacciare sostanze stupefacenti. Cosi come avviene in diverse realtà del Nord Italia, anche in provincia di Avellino sarebbe il caso di intervenire, cosi come viene fatto per scongiurare i fenomeni di bullismo ecc”.

“Ritengo – aggiunge Pignataro – che iniziative educative periodiche nelle scuole, integrate da servizi di controllo delle Forze dell`Ordine, posso senza dubbio intercettare e impedire significativamente il consumo delle sostanze  stupefacenti da parte dei giovani.”