Patto civico: processo a Gengaro e non solo. Conclave in tarda serata

30 maggio 2005

Avellino / Riunione super blindata a Palazzo di Città. C’erano, ieri sera, gli esponenti della Cdl, Forza Italia, Alleanza Nazionale, Udc, e, chiaramente, Stefano La Verde. Non invitato l’indipendente Pino De Lorenzo, ex capogruppo consiliare Udc. Motivo del conclave, il processo ad Antonio Gengaro (e fibrillazioni, pare all’interno i Forza Italia e non solo) che, come capogruppo consiliare di opposizione e rappresentante del Patto civico, ha deciso di scendere in campo al fianco di “Unione per Bassolino”, nella scorsa tornata elettorale, regionali s’intende. A premere, in merito, ossia per il taglio di Libera Città dal Patto civico, sembra essere proprio il medico, nonché rappresentante di Libera Città, Stefano La Verde che già nella competizione scorsa aveva preso le distanze dagli esponenti dinunniani ritenendo la posizione degli ‘aventiniani’, o meglio dei fedelissimi a Gengaro, in contrasto con quella del gruppo di minoranza. Dunque, tensioni, almeno sembra, all’interno dell’opposizione consiliare di Palazzo di città. Sempre più decisa a tagliare fuori Libera Città.