Paternopoli – Il Pd attacca il Pdl: “Noi autentici democratici”

11 maggio 2008

“La pubblicazione del documento politico a firma PDL paternese, va inteso come una presa di distanze dal precedente documento politico a firma dell’ex coordinatore di Forza Italia, Antonio Morsa apparso su un sito il 6 maggio 2006″. Questo l’incipit della nota del Pd del comune irpino che si pone in maniera critica nei confronti della ‘squadra’ locale del centro destra. L’atto sancisce che il comunicato di Antonio Morsa, era stato reso pubblico: “A titolo esclusivamente personale – si legge ancora – e non era in linea con il progetto politico di questa nuova destra paternese, trasformista e spregiudicata. Morsa è stato epurato e commissariato, tra l’altro da chi solo in secondo tempo e per proprie convenienze si è avvicinato al progetto Berlusconiano. Il Partito Democratico, quale primo partito di Paternopoli, prende atto che il PDL locale ha un nuovo gruppo dirigente e che per Antonio Morsa è stato scelto il ruolo di ‘portatore d’acqua’. In particolare – prosegue la nota – Forza Italia è ormai rappresentata da Felice Pescatore, già delegato provinciale del partito, e da Federico Barbieri, vera mente politica della compagine”. Il documento politico inoltre sancisce anche la volontà del PDL paternese di: “lavorare per costruire una lista di destra alle prossime amministrative – sottolinea ancora la nota – rifuggendo dal progetto di una lista civica tanto cara all’ex segretario Antonio Morsa e minaccia chiaramente di cacciare dal partito chi non si adeguerà a questa loro politica velleitaria e di chiusura. Noi democratici paternesi, invece, pratichiamo la logica della tolleranza e della democrazia ed il nostro linguaggio non è mai così categorico”. E in tal senso Andrea Forgione e Antonio Petruzzo, firmatari della nota, incalzano: “Noi lavoriamo ad una grande aggregazione democratica e plurale dove ognuno potrà avere il proprio spazio e la propria visibilità. Il futuro Sindaco di Paternopoli non sarà più scelto dai vecchi potentati politici, quali per esempio l’on. De Mita o dai nuovi potentati, tra i quali potrebbe esserci il Senatore Viespoli, ma saranno gli stessi cittadini a scegliersi il candidato Sindaco con il metodo delle primarie. Qualche mese prima della presentazione delle liste elettorali raccoglieremo le possibili candidature tra donne e uomini, forti, liberi e coraggiosi, che vogliono bene a Paternopoli e che vogliono servire i paternesi con umiltà, competenza e dedizione, ed insieme a loro sottoscriveremo un programma amministrativo. Affronteremo con questo sistema democratico – avvertono – tutti coloro che sono ancorati a vecchi metodi e a vecchie logiche e sconfiggeremo, la nuova destra . D’altronde – chiude la nota – la destra a Paternopoli l’abbiamo già battuta un mese fa, nonostante avesse vinto in Italia e soprattutto in Campania dove ha ottenuto un netto 51 per cento”.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.