Pasquetta da incivili in Irpinia: rifiuti in montagna e nei parchi

Pasquetta da incivili in Irpinia: rifiuti in montagna e nei parchi

23 aprile 2019

Pasquetta da incivili in Irpinia. Se le immagini del Parco del Vesuvio hanno fatto il giro del Paese, scatenando proteste e polemiche, ad Avellino e provincia non è poi andata tanto meglio. Il bilancio del post Pasquetta, la giornata dedicata per tradizione a pic-nic e pranzi all’aperto, è vergognoso.

Le immagini, postate soprattutto su Facebook da turisti, visitatori e gruppi (come “Non sei irpino se…”), sono più che eloquenti e fotografano impietosamente la situazione di degrado lasciata in molte aree verdi della nostra provincia e dello stesso capoluogo.

Tanti rifiuti, dunque, nelle zone montane più conosciute e maggiormente frequentate, ma anche in città, come nel caso del centralissimo Parco Manganelli, invaso da bottiglie, bicchieri, posate, tovaglie e residui organici di vario genere.

Situazione analoga anche nel parco pubblico San Gregorio di Atripalda. Anche in questo caso il gruppo social “Non sei irpino se…” ha immortalato il post Pasquetta con le immagini dei rifiuti lasciati nella zona pic-nic.

L’inciviltà di tanti ha costretto così ad un lavoro straordinario di pulizia che ha interessato moltissime aree verdi della nostra provincia. Un lavoro immane, impossibile da smaltire in mezza giornata. Si segnalano, infatti, ancora diverse situazioni di emergenza ambientale più o meno gravi.

Uno schiaffo, l’ennesimo, ad una provincia che fa, o dovrebbe fare, delle bellezze naturalistiche e paesaggistiche uno dei suoi punti di forza in chiave di sviluppo e promozione turistica.