Parte ‘Terra mia’: alla scoperta dei sapori irpini. Saranno 40 le aziende che prenderanno parte all’evento e si attendono 5mila visitatori

5 maggio 2005

Atripalda – Parte domani ‘Terra mia’ la rassegna enogastronomica di prodotti tipici e di qualità che si svolgerà presso il Centro Servizi di Atripalda fino al 9 maggio. Un nuovo appuntamento con i sapori di una terra che fa della qualità il fiore all’occhiello della tradizione enogastronomica locale. Quaranta aziende agroalimentari e vitivinicole trasformeranno l’ampio spazio espositivo in presidi di ruralità dove assaporare i ricercati prodotti dalle radici irpine e degustare vini che, saldamente radicati in un intreccio di storia e natura, si propongono in tutta la loro personalità. Anche quest’anno sono oltre 5.000 i visitatori attesi che avranno la possibilità di degustare, lungo un percorso opportunamente progettato, i prodotti di una terra solida e generosa quale è la nostra. Sono previste guide alla degustazione del vino e guide all’abbinamento cibo/vino in collaborazione con l’Associazione Italiana Sommelier e con l’Associazione Cuochi Avellinesi. Non solo. All’interno della rassegna avranno luogo convegni di approfondimento con autorevoli relatori. Il primo partirà domani pomeriggio alle ore 18 presso il centro servizi di via San Lorenzo di Atripalda. Il tema: “Tavola rotonda: esperienze a confronto di imprenditorialità femminile nel settore vitivinicolo”. Si alterneranno relatori quali: Rosa Pesa, Daniela Mastroberardino, Mirella Capaldo. Apriranno i lavori: il sindaco Carmela Rega, l’assessore all’Agricoltura della Provincia di Avellino Vincenzo Alaia, il neo consigliere regionale Rosetta D’Amelio. Oltre agli interventi programmati, concluderà l’on. Alberta De Simone. Ancora una volta la scelta dell’alimentare e la ricchezza dei programmi hanno motivato la tre giorni ricca di altri incontri e dibattiti. Dopo domani presso la Dogana dei Grani di Atripalda, si svolgerà il primo workshop per la valorizzazione del turismo enogastronomico in Irpinia, finalizzato a facilitare l’incontro tra la domanda e l’offerta turistica in questo specifico segmento. Sabato 8 maggio, a partire dalle ore 17, si svolgerà il convegno ‘Il Valore di una G’. Interverranno: il senatore Riccardo Margheriti, presidente di Banca Verde, e Daniele Cernilli, condirettore di Gambero Rosso e curatore della guida Vini d’Italia di Gambero Rosso. Non un’autocelebrazione per il fatto che la Provincia di Avellino dalla vendemmia 2003 accoglie entro i propri confini ben tre denominazioni di origine controllata e garantita, ma un incontro per comprendere a pieno quali sono le potenzialità di un così lusinghiero riconoscimento, grazie a due relatori d’eccezione. Al termine si terrà una degustazione, riservata ad esperti e giornalisti di settore delle più importanti testate nazionali, che avrà come tema: Il Tempo del Fiano – Un vino dalla storia antica, sei annate per raccontarne il presente. Ben si abbina al precedente ‘Il ruolo delle denominazioni nei percorsi qualitativi del vino in Italia’. Interverranno: Piero Mastroberardino, Presidente di Federvini, Antonio Marotta dell’Università di Benevento e Claudio Tubini, Nutrizonista dell’Università La Sapienza di Roma. Relazioneranno: il dott. Di Pietro e la dott.ssa Bernardi. Concluderà i lavori Antonio Falessi. Il tutto nell’ottica di un programma regionale di “comunicazione ed educazione alimentare” curato dagli uffici di Palazzo Santa Lucia.