Palio della Torre: tutto pronto per la quarta edizione

16 giugno 2005

Torrioni – Sabato 18 e domenica 19 giugno, la Pro Loco ‘Aione’ organizza la quarta edizione del Palio della Torre con il patrocinio della Regione Campania, della Comunità montana del Partenio e del Comune di Torrioni. Sabato 18 alle 10.30 nella Sala di via Valli Torrioni si terrà il convegno sul tema ‘Lingua, usi e costumi dell’Irpinia’ per presentare un Vocabolario sul recupero dei termini dialettali del paese, realizzato dai volontari del Servizio civile della Pro Loco. Nel pomeriggio, alle 17, si terrà una ‘Mostra Vivente di Antichi Mestieri’: artigiani, contadini, pastori daranno vita a mestieri in estinzione che fanno parte del nostro patrimonio culturale. Alle 17.30 è previsto l’arrivo del gruppo storico ‘Borgo Scacciaventi Croce’ di Cava dé Tirreni che si esibirà per le vie del paese e sfilerà insieme al principe AioneII e alla sua corte.
Le motivazioni del Palio:
Le origini del comune, presumibilmente, risalgono alla seconda metà del secolo IX e vengono associate al nome del principe longobardo Aione II che prese coraggiosamente le armi contro i Bizantini. Si spinse fino a Bari e nel 888 l’assediò: un assedio che tuttavia non fu condotto alla conclusione in quanto il duca di Napoli minacciò Capua con il suo esercito. Aione fece subito ritorno in Campania e percorrendo la Valle del Sabato decise di edificare sulla collina posta alle spalle di Tufo un fortilizio turrito per il controllo e la difesa della valle stessa dagli attacchi dei nemici Bizantini. La torre prese il nome del principe: ‘Turris Ayonis’ divenuta successivamente Torrioni. All’epoca era solo un casale nell’800 acquistò poi la sua autonomia. La vita nel casale era semplice e vi risiedevano soldati con le loro famiglie. Chi non maneggiava le armi si dedicava all’agricoltura. E per rievocare il passato la Pro Loco di Torrioni, tra leggenda e realtà organizza questa quarta edizione del Palio della Torre Aione istituito dallo stesso principe in occasione dell’inaugurazione del fortilizio. Il Palio, che coinvolge tutto il paese, avrà inizio con l’arrivo del principe dal castello di Tufo che sfilerà per le strade cittadine con la sua dama, la sua corte e i suoi soldati. Dopo il segnale del principe si darà inizio ai giochi tra Contrade: la rottura delle pignatte, il taglio del tronco, la corsa nei sacchi, la carretta, il giro del cerchio, il tiro alla fune e la corsa dell’acqua. Le due squadre che si classificheranno ai primi due posti , domenica 19 contenderanno l’ambito palio.