Ospedali Moscati-Landolfi, Cisl all’attacco: “Manovra calata dall’alto”

Ospedali Moscati-Landolfi, Cisl all’attacco: “Manovra calata dall’alto”

23 maggio 2018

Unificazione Ospedali, la Cisl chiede chiarezza. “Chiederemo un incontro ai manager Percopo e Morgante per fugare dubbi ed incertezze sul percorso di unificazione”, annuncia Antonio Santacroce Segretario Generale della Cisl FP IrpiniaSannio.
“Sulla vicenda dell’accorpamento del Presidio Ospedaliero “Landolfi” di Solofra all’Azienda Ospedaliera “San Giuseppe Moscati” stiamo registrando un crescente senso di incertezza e confusione. Sono trascorse diverse settimane dall’ annuncio fatto dal Governatore della Campania De Luca in occasione della visita alla Città Ospedaliera di contrada Amoretta e dal successivo Decreto di annessione ed ancora non abbiamo certezze sulla distribuzione definitiva delle attività e sul futuro dei dipendenti interessati”.

La Cisl rimarca come “i primi rumors di dissenso li abbiamo già captati tra i presenti in sala durante la conferenza stampa tenutasi lo scorso mese congiuntamente tra i vertici dell’Asl e dell’ Azienda. Il timore è che questa vicenda diventi l’ennesima manovra calata dall’alto nel segno di quanto oramai accade negli ultimi anni. Occorre affrontare la vicenda nella pura ottica della razionalizzazione dell’intero sistema con azioni che siano scevre da qualsiasi condizionamento e/o equilibrio solo in questo modo si potrà tendere al miglioramento delle prestazioni lavorative e assistenziali. Al fine di fare chiarezza, dirimere qualsiasi dubbio e confusione sul percorso di annessione del Presidio Ospedaliero “Landolfi” di Solofra all’Azienda “Moscati” di Avellino, chiederemo un incontro congiunto con i vertici dell’ASL e del “Moscati” poiché riteniamo che occorra concretamente creare un percorso virtuoso per la sanità irpina con l’ ottimizzazione delle risorse umane ,economiche e strutturali”.

Domani, giovedì 24 maggio, alle 13.30 assemblea dei lavoratori del Presidio “Landolfi” di Solofra.