Operazione ‘KO’ – 16 arresti in Italia: riflessi in Irpinia

15 marzo 2010

Ariano Irpino – Operazione all’alba dei Carabinieri di Castrovillari impegnati nel seguito dell’operazione denominata ‘Knock out’, iniziata nel mese di novembre scorso e che ha avuto riflessi, seppur minimi, anche in Irpina.
In tutto sono 16 le misure cautelari nei confronti di altrettante persone di nazionalità italiana e albanese, accusate a vario titolo, in concorso tra di loro di detenzione di sostanze stupefacenti, cocaina e marijuana, ai fini di traffico e spaccio.
Per quanto concerne la provincia di Avellino, i militari della Compagnia di Ariano Irpino hanno notificato uno dei 16 provvedimenti ad una persona già detenuta presso la casa circondariale del Tricolle.

Secondo gli inquirenti, la banda gestiva lo spaccio di sostanze stupefacenti nel milanese e nel foggiano. Oltre ad Ariano Irpino, i provvedimenti sono stati eseguiti a Castrovillari, Cassano allo Ionio, Milano, Cerignola, Lamezia Terme, Palmi.
Nel corso dell’operazione, sono stati eseguiti arresti, alcuni ai domiciliari, e sono stati notificati provvedimenti di obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.
È stata sequestrata, inoltre, un’automobile di grossa cilindrata utilizzata per il traffico delle sostanze stupefacenti che sarà poi affidata alle forze dell’ordine per specifici servizi di contrasto al narco-traffico.
L’organizzazione, secondo l’accusa, si riforniva dello stupefacente a Rosarno per poi distribuirlo sulle piazze di Castrovillari, del Foggiano e del Milanese. Inoltre, alcuni indagati, con minacce, riuscivano a gestire alcuni appalti a Castrovillari imponendo imprese di proprio interesse.
L’operazione di oggi è il prosieguo di quella condotta il 27 novembre scorso quando vennero arrestate cinque persone.