olimpiadi di matematica buona prestazione per Liceo di Mirabella

6 giugno 2013

Vacanze meritate e di pieno riposo per allievi e docenti del Liceo Scientifico e Classico “Aeclanum” di Mirabella Eclano, che si distingue in campo provinciale ed internazionale nel settore delle materie scientifiche ed umanistiche. Alle Olimpiadi di Matematica nella fase di Istituto tra gli allievi del Triennio del Liceo Scientifico si sono distinti Di Napoli Adelina della V A, Capone Vincenzo della V C e Vece Rocco della V C. Tra gli allievi del Liceo Classico alla fase provinciale di Istituto ha partecipato l’alunna Manganese Emma della II A. Sono stati premiati ad Avellino Villano Raffaele della V A e Di Napoli Adelina della stessa classe del Liceo Scientifico. Nei Giochi Internazionali della Bocconi durante la fase provinciale si sono distinti Di Pasquale Salvatore della III A, Delli Gatti Maria Antonia della III A, Rinaldi Antonio della IV A e Rinaldi Giuseppe della IV A del Liceo Scientifico. Sono stati menzionati al Premio “E. Caianiello” Pasquale Angelo della IV B, Bruno Antonio della stessa classe, Losanno Francesco della IV D, Del Sordi Cristoforo e Di Pietro Danilo della V D del Liceo Scientifico. Hanno partecipato alle Olimpiadi di Fisica nella fase di Istituto Pastore Simone della IV B, Rinaldi Giuseppe della IV A, Losanno Francesco della IV D, Noviello Francesco della IV D e Bruno Antonio della IV B. Durante la fase provinciale è stato premiato per il quarto posto Rinaldi Antonio. Per la parte umanistica hanno partecipato alla fase interprovinciale Avellino-Benevento delle Olimpiadi di Italiano l’allieva Tecce Irene della II A per il biennio del Liceo Classico e Manganiello Serena per il Triennio del Liceo Scientifico. Grande è stata la soddisfazione dei giovanissimi partecipanti, grazie all’impegno delle docenti, professoressa Rita Picozzi per la parte scientifica e professoressa Bernadette Santoro per la parte umanistica: ogni giorno insegnano ai ragazzi a porsi obiettivi importanti per vedere realizzati i progetti più significativi del proprio percorso formativo. La preside Catia Capasso si complimenta per i progetti educativi di ampio raggio del gruppo docenti e per la sentita risposta degli allievi. Vengono cosi incoraggiate esperienze di crescita per chi vive nei banchi di scuola come primo esempio di confronto. Esse infatti allenano sul piano pratico e psicologico ad affrontare poi i futuri sistemi di selezione del mondo del lavoro.