Nuova “Dante Alighieri”, Ciampi chiama gli alunni per la progettazione

Nuova “Dante Alighieri”, Ciampi chiama gli alunni per la progettazione

3 ottobre 2018

Marco Imbimbo – Il Comune avvia il primo esperimento di progettazione condivisa. Questa mattine l’ente di Piazza del Popolo ha sottoscritto un protocollo con la dirigenza dell’istituto comprensivo “Perna-Alighieri” in vista della realizzazione del nuovo campus di via Piave. Gli alunni dell’istituto saranno chiamati a fornire le proprie idee su come dovrà essere realizzata la scuola. Un contributo che, poi, verrà preso in considerazione dallo studio esterno a cui verrà affidata la progettazione del campus. All’incontro ha preso parte anche l’assessore ai “Lavori Pubblici” e “Urbanisitica”, Rita Sciscio.

«E’ il primo tentativo di progettazione condivisa che mettiamo in campo – spiega. Gli alunni dell’istituto apporteranno le loro idee a questo progetto che non è ancora definitivo. L’elaborato verrà realizzato poi realizzato dallo studio che si aggiudicherà la gara. C’è da dire che questa è la prima prova di architettura partecipata e la si proporrà anche per la modifica e adattamento del Puc al Ptct».

I tempi per vedere realizzato il nuovo campus, che prevede anche l’abbattimento della struttura attuale, non saranno brevi, come sottolinea Sciscio. «Dopo aver definito lo studio che vincerà ufficialmente questa gara, verranno dati 120 giorni per la realizzazione del progetto definitivo ed esecutivo. Nel corso di questo iter verranno integrate anche le idee di questi ragazzi. Sicuramente non è una scuola che vedremo realizzata nel breve tempo, ci vorranno almeno un paio di anni».

Nessun rischio, però, sul fatto che questo esperimento di progettazione condivisa possa rallentare l’iter complessivo della realizzazione del nuovo campus di via Piave. «Non ci sarà nessun ritardo – sottolinea Sciscio. Le idee degli alunni verranno consegnate allo studio di progettazione che le prenderà in considerazione e spero vengano realizzate».

Un’altra progettazione condivisa riguarderà l’adeguamento del Puc al Ptct, come annuncia Sciscio: «Ci saranno sicuramente confronti con le associazioni e tutti i portatori di interesse».