Non pagavano il bollo l’auto nonostante i familiari disabili fossero deceduti da anni: scovati 12 furbetti

Non pagavano il bollo l’auto nonostante i familiari disabili fossero deceduti da anni: scovati 12 furbetti

21 gennaio 2019

I Finanzieri del Comando Provinciale di Napoli hanno scoperto 12 cittadini napoletani che non avendo più familiari disabili, in quanto deceduti da diversi anni, continuavano a sfruttare indebitamente l’esenzione del bollo auto per i portatori di handicap o invalidi.

In particolare, i finanzieri, a seguito di un’attività info-investigativa, hanno individuato 12 “furbetti” che non hanno versato alla Regione di residenza il bollo auto malgrado non più esenti a causa del decesso del disabile titolare del beneficio. L’esenzione dal pagamento del bollo auto spetta infatti solo nel caso in cui il veicolo è intestato direttamente al disabile oppure ad un familiare che risulti fiscalmente a carico del disabile o viceversa. In quest’ultima ipotesi l’esenzione richiesta dal parente è ottenibile solo se il suo reddito lordo è inferiore o uguale a 2.840,51 euro.

Per ottenere l’esenzione bisogna presentare apposita domanda e, nel momento in cui vengono meno le condizioni, spetta al disabile o agli eredi dello stesso darne tempestiva comunicazione all’ufficio concedente. Tra i furbetti scoperti emerge la posizione di un cittadino che risulta proprietario di 1 immobile, intestatario di 1 società e di 2 veicoli di recente immatricolazione ma che non risulta tra coloro i quali versano la tassa di possesso automobilistica. al termine del servizio, i soggetti individuati, resisi responsabili di “indebita percezione di erogazioni pubbliche”, con riferimento all’articolo 316 ter del c.p., hanno ricevuto un verbale di accertamento con sanzione pecuniaria pari al triplo del beneficio di cui si è fruito illecitamente, ridotta poi ad un terzo se pagata entro 60 giorni dalla data di notifica dell’accertamento. nel contempo gli stessi sono stati segnalati alla regione campania per il recupero delle somme indebitamente non versate. l’attività del corpo mira a contrastare le condotte di frode alla pubblica amministrazione, che sottraggono importanti risorse finanziarie alle casse dello stato da destinare ai servizi dei cittadini.