Non dichiara ricavi: nei guai società a responsabilità limitata del Sannio

Non dichiara ricavi: nei guai società a responsabilità limitata del Sannio

29 giugno 2018

All’esito di indagini coordinate dai magistrati della Procura della Repubblica di Benevento, i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza stanno eseguendo un decreto di sequestro preventivo finalizzato alla confisca di depositi bancari, titoli finanziari, beni mobili ed immobili nella disponibilità di una società a Responsabilità Limitata operante nel settore della riparazione di prodotti elettronici di consumo audio e video avente sede nella provincia sannita, nonché nei confronti del legale rappresentante, per un valore di 364.129,00 euro.

A seguito di verifica fiscale, condotta dai finanzieri della Tenenza della Guardia di Finanza di Solopaca, avviata nel 2017, è stato denunciato alla Procura – ai sensi dell’art. 5 e art. 10 del D. Lgs. 10 marzo 2000, n. 74 (omessa dichiarazione di ricavi – occultamento della contabilità), l’amministratore dell’impresa controllata, di anni 68, originario di Valle di Maddaloni (CE).

L’attività ispettiva condotta ha permesso di appurare che la società, nell’annualità d’imposta 2015, ha intrattenuto rapporti commerciali con vari operatori economici, non contabilizzando nelle scritture contabili obbligatorie acquisite nell’ambito delle attività ispettive e non dichiarando ai fini dell’imposizione fiscale, operazioni attive scaturenti dall’attività esercitata, per un ammontare complessivo pari ad Euro 915.000,00, a cui corrisponde un’imposta dovuta pari a complessive Euro 364.129,00 con un conseguente e rilevante evasione di elementi attivi sottratti all’imposizione, in termini di imposte dirette ed I.V.A..

Nella fase di esecuzione del provvedimento di sequestro sono stati già individuati nella disponibilità del legale rappresentante, su azione delle fiamme gialle della Tenenza di Solopaca, numerose possidenze immobiliari e/o mobiliari registrate, autovetture e disponibilità finanziarie afferenti a conti correnti e rapporti finanziari.

Sono altresì in corso, presso vari Istituti di Credito, sistematiche operazioni di ricerca finalizzate all’individuazione di disponibilità bancarie e/o finanziarie che saranno sottoposte a sequestro, sino alla concorrenza del tributo evaso.