Nomine, Raggi assolta. “Una sentenza che spazza via due anni di fango”

Nomine, Raggi assolta. “Una sentenza che spazza via due anni di fango”

10 novembre 2018

Caso nomine, Raggi assolta. Subito dopo la lettura della sentenza di assoluzione nel processo sulla nomina di Renato Marra con l’accusa di falso, la sindaca di Roma è scoppiata in un pianto liberatorio e ha abbracciato tra gli applausi i suoi avvocati.

Il giudice Roberto Ranazzi, durante la lettura della sentenza di assoluzione , ha detto che ‘il falso del quale Raggi era accusata non costituisce reato”.

Dopo l’emozione per essere stata assolta, la sindaca ha stretto la mano al giudice Roberto Ranazzi e al pm Francesco dall’Olio. “Questa sentenza – le prime parole di Raggi – spazza via due anni di fango. Andiamo avanti a testa alta per Roma, la mia amata città, e per tutti i cittadini”.

“Per i miei cittadini sono andata avanti testa alta. Ho fatto tutto con correttezza e trasparenza nell’interesse di Roma. Umanamente è stata un a prova durissima, ma non ho mai mollato. Credo in quel che faccio, nel lavoro, nell’impegno costante, nel progetto che nel 2016 mi ha portata alla guida della città che amo. Un progetto che può andare con maggiore determinazione”. Così in un post su Facebook la sindaca Virginia Raggi dopo la sua assoluzione.