Noi Sud replica a De Conciliis: “Il centrodestra non esiste”

30 giugno 2010

Avellino – La segreteria provinciale di Noi Sud non ha accolto di buon grado le invettive del consigliere provinciale del Pdl Ettore De Conciliis intervenuto, tra le altre cose, in merito alla posizione del partito all’interno dell’Alto Calore Servizi.
“Ogni qualvolta Ettore De Conciliis si sveglia dal sonnellino infrasettimanale – si legge nella nota di replica – dovrebbe informarsi su quanto è accaduto nel frattempo nella vita politica della nostra provincia; se così facesse, potrebbe rendersi conto che invitare Noi Sud e Udeur a “praticare l’appartenenza al centrodestra” è persino ridicolo perché un centrodestra in Irpinia semplicemente non esiste.
Di quale centrodestra parla De Conciliis se, da due anni, non c’è stata una sola occasione di confronto tra le forze politiche che lo compongono? Cosa dovrebbero “praticare” Noi Sud e Udeur secondo costui se il Pdl non ha mai ritenuto di convocare un tavolo per affrontare la grave crisi nella quale versa un’Amministrazione Provinciale che sta deludendo gli irpini, in particolare quelli che si aspettavano un cambiamento e che si ritrovano con una gestione che guarda al passato? Di cosa parla De Conciilis se, dimostrando una sconcertante disonestà intellettuale, non ha il coraggio di ammettere che il suo PDL è succube dei voleri dell’UDC a cui è consentita ogni disinvolta occupazione del potere? Una classe dirigente seria deve avere la capacità di raccogliere il consenso non sulla brutale occupazione delle poltrone, ma sulla proposizione di una strategia comune finalizzata al buon funzionamento degli enti e a rendere servizi di qualità ai cittadini.
Con il voto a favore dell’approvazione del bilancio dell’Alto Calore, Noi Sud ha voluto lanciare un segnale chiaro al PDL e all’UDC che si sono lanciati, evidentemente, in una famelica conquista delle poltrone. Mai c’è stato un confronto tra i partiti della coalizione sul futuro che si intende garantire agli enti che siamo chiamati ad amministrare.
Per quanto ci riguarda, Noi Sud non ha alcuna intenzione di emulare il PDL e di seguirlo sulla strada della sudditanza all’UDC pur di garantirsi le briciole e pur di assicurare ai “soliti” un’occupazione del potere che è solo fine a se stessa. Se Pdl e Udc si apriranno a una discussione sugli enti e su quale futuro il centrodestra vuole proporre a questa provincia, Noi Sud sarà disponibile a sedersi intorno ad un tavolo per dare il suo contributo. In mancanza, non farà mancare la sua voce di dissenso, determinante o non determinante che sia”.