“No allo scippo dei posti residenziali”. Centro per l’Autismo, il Comune “convoca” l’Asl per fare chiarezza

“No allo scippo dei posti residenziali”. Centro per l’Autismo, il Comune “convoca” l’Asl per fare chiarezza

9 dicembre 2019

Alfredo Picariello – Centro per l’Autismo, si muovono i primi passi verso la chiarezza sulla futura gestione della struttura di Valle. Dopo il sopralluogo effettuato venerdì scorso dalle Commissioni Lavori Pubblici e Politiche Sociali, stamattina le due Commissioni si sono riunite in Comune alla presenza dell’assessore ai Lavori Pubblici, Antonio Genovese. Presenti anche i rappresesentanti di alcune associazioni ed alcuni genitori.

“Durante il sopralluogo – sottolinea Gerardo Melillo, presidente della Commissione Lavori Pubblici – abbiamo riscontrato una serie di anomalie rispetto al progetto originario. Faremo in modo che vengano risolte, in favore dei bambini autistici ovviamente. La commissione odierna è stata propedeutica ad una nuova commissione che terremo la settimana prossima, quando convocheremo l’Asl per chiarire tutti i punti e, soprattutto, quelle cose che sono state modificate. Stiamo facendo tutto nella massima trasparenza, coinvolgendo anche le associazioni, e lo continueremo a fare”.

“Oggi abbiamo deciso, insieme all’assessore Genovese – dice Antonio Cosmo, presidente della Commissione Politiche Sociali – che la community farm, l’orto sociale, sarà ripristinato. Si tratta di attività funzionali alle terapie dei bambini, dunque indispensabili. Si tratta di lavori di poco conto che potranno essere fatti in poco tempo, senza un grande aggravio di costi. Toglieremo l’asfalto e realizzaremo l’orto”.

Il “nodo” principale, anche secondo Cosmo, è quello della gestione futura. “La settimana prossima l’Asl, con la dirigente Morgante, dovrà essere presente al tavolo in Commissione. Vogliamo sapere quali sono le loro reali intenzioni. Ci opporremo in tutti i modi al trasferimento del Centro Australiano a Valle, non ci stiamo allo scippo della parte residenziale”.

Si dice soddisfatta dell’esito della riunione Elisa Spagnuolo, presidente dell’Aipa. “Sto trovando persone che stanno prendendo a cuore la questione. Dopo questa riunione, ho più fiducia. Sono soddisfatta, dopo tanti anni di amarezza, 20 anni di battaglie, sono soddisfatta. Sarà chiesto all’Asl cosa intende fare. Nel Centro di Valle potranno sorgere i primi posti residenziali d’Irpinia, i ragazzi, fino ad oggi, sono costretti ad andare fuori provincia. Con la variante dell’Asl, questi posti sono spariti e non è giusto. I ragazzi autistici non hanno bisogno degli ambulatori, non ha alcun senso”.