Nanterre resta imbattuta, la Sidigas non bissa il blitz di Istanbul

Nanterre resta imbattuta, la Sidigas non bissa il blitz di Istanbul

18 ottobre 2017

Renato Spiniello – Dopo il blitz in Turchia, la Sidigas Avellino non riesce ad arrestare la corsa del Nanterre ’92 che rimarca la propria leadership all’interno del raggruppamento D di Basketball Champions League. Al Palais des Sports Maurice Thorez finisce 89-81 per i padroni di casa che sfruttano le ottime percentuali dal campo soprattutto di Shuler e Schaffartzik, autori rispettivamente di 24 e 21 punti. Ai biancoverdi non bastano i 19 punti di Filloy e i 18 del solito cannoniere Jason Rich.

Primo quarto 19-19 In assenza dell’infortunato Fesenko è Zerini a ricoprire lo slot di 5. La palla a due è dei francesi, ma i primi punti li porta in dote Rich per la Scandone. Nanterre dà fuoco alle polveri con Konate, che apre il break di 8-0 ospite, chiuso da Zerini e Filloy. Lo “zero” irpino si ripete per il pareggio, prima delle triple di Invernizzi e Fitipaldo. Il francese classe ’93 ha la mano calda dalla distanza e torna a punire la Sidigas, che però cavalca Leunen e i liberi di Rich. Si sblocca anche l’ex Pistoia Petteway, che tuttavia non segna il libero aggiuntivo. Sui tiri dalla distanza di Filloy e Schaffartzik si chiude pari e patta la prima frazione.

Secondo quarto 19-11 Nanterre parte bene, Rich fa altrettanto e l’equilibrio sembra regnare anche al secondo periodo. Almeno fino al 7-0 locale che dà il massimo vantaggio ai transalpini (30-24). E’ Fitipaldo a riprendere in mano il match per i biancoverdi, su recuperata di Leunen. Pascal Donnadieu si affida alla sospensione e fa bene, perché in uscita Shuler mette due triple di fila che sommate ai 2 di Aminu valgono il primo tentativo di fuga ai padroni di casa. Rich sbaglia in lunetta, ma poi si rifà dalla media. Sul 38-30 per i francesi si va alla pausa lunga.

Terzo quarto 19-18 Schaffartzik apre da oltre l’arco la ripresa. La Scandone trova linfa con Rich e Wells, ma è il quarto del regista tedesco che ne aggiunge altri 4 di fila. Avellino ha solo la guardia della Florida come terminale offensivo: troppo poco, inevitabile inabissarsi a -12. Leunen prova a suonare la carica dai 5.75, Aminu gli replica con la stessa carta. Si sveglia Scrubb, in uscita dalla panchina, ma i biancoverdi non vanno oltre il -9.

Ultimo quarto 32-33 Ancora Shuler, ancora da 3 (3/7 per l’americano di Jacksonville dalla distanza). La Sidigas fa un misero 1/2 con Scrubb dalla carità e Murphy ne approfitta per allungare ancora. I lupi restano attaccati al match con N’Diaye, ma sull’ennesima tripla di Schaffartzik sembrano scorrere i titoli di coda sulle velleità ospiti (-14). Sacripanti prova a rifugiarsi in timeout. In uscita Filloy è l’ultimo ad arrendersi, gioco da 4 punti completato dall’italo-argentino. Segue il quinto fallo di Zerini che si accomoda definitivamente in panca. Scrubb e Fitipaldo scalano la montagna fino al -5. La Sidigas risorge in un amen facendo salire l’intensità in difesa. Liberi per Nanterre. Scrubb trova la tripla del ritrovato -4 ma poi commette l’antisportivo del gameover. Shuler chiude il match: 89-81 per i transalpini.