Mugnano – Incidente sull’A/16, gravi una serba e un albanese

25 giugno 2005

Mugnano del Cardinale – Due cittadini extracomunitari in prognosi riservata. Una giovane atripaldese e due minorenni napoletani ricoverati nel Reparto di Ortopedia del “Moscati” di Avellino. E’ il bilancio dell’incidente stradale che si è verificato ieri mattina sulla Napoli – Bari. I feriti erano a bordo di una utilitaria, guidata da Olga R., la 23enne di Atripalda educatrice di una Casa Famiglia di Serino, diretti a Nola dove uno dei minorenni doveva sostenere gli esami di Stato. Il sinistro si è verificato intorno alle 8, all’altezza del chilometro 29 nei pressi del cavalcavia nel territorio del comune di Mugnano del Cardinale. Secondo una prima ricostruzione fatta dagli Agenti della Polstrada, la giovane dopo aver superato un autoarticolato, avrebbe perso il controllo della propria vettura. Nonostante i tentativi di frenata, il sinistro è stato inevitabile. Si è schiantata prima contro il guard-rail per poi terminare la corsa finendo al di sotto del cavalcavia. Un volo di oltre 60 metri. Un impatto violentissimo. A lanciare l’S.O.S. sono stati alcuni automobilisti che avevano assistito all’incidente. Sul posto si sono portati i Vigili del Fuoco del Comando di Avellino che hanno dovuto calarsi giù dal cavalcavia per liberare i cinque feriti rimasti incastrati tra le lamiere contorte dell’auto. Tratti in salvo, dopo le prime cure del caso, a sirene spiegate sono stati trasportati dalle ambulanze del 118 al Pronto Soccorso del Moscati. I sanitari, da subito, hanno giudicato disperate le condizioni della giovane serba e di un albanese. Dopo gli accertamenti del caso, sono stati ricoverati in Rianimazione dove sono sotto stretta osservazione. Versano in prognosi riservata. Per gli altri tre feriti, ricoverati in Ortopedia, i medici sono fiduciosi tant’è che sono state diagnosticate ferite giudicate guaribili in una quarantina di giorni. Mentre al chilometro 29 della Napoli – Bari i caschi rossi sono stati costretti a fare ricorso al carrogru per recuperare l’autovettura, la Polstrada ha proceduto ai rilevamenti del caso al fine di ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente stradale. (Emiliana Bolino)