Morano: “Fruncillo per la presidenza. Giunta da ridurre. Un politico può essere un bravo tecnico”

Morano: “Fruncillo per la presidenza. Giunta da ridurre. Un politico può essere un bravo tecnico”

13 luglio 2018

Marco Imbimbo – Avvenuta la proclamazione del sindaco, si entra nel vivo con la ricerca del prossimo presidente del Consiglio Comunale e i lavori per formare la giunta. Sul primo punto girano molti nomi, inoltre prende sempre più corpo l’ipotesi che il centrosinistra possa rinunciare all’incarico rispendendo la palla alla coalizione che sostiene Ciampi.

«Più che rispedire la palla al mittente bisogna capire quale sia la tenuta dell’opposizione – spiega Sabino Morano, leader del centrodestra. Dal punto di vista numerico, il centrosinistra può tranquillamente eleggere il presidente, quindi è chiaro che ci provino. Nel momento in cui non ci dovessero riuscire, attesa l’inesistenza di una maggioranza consiliare uscita dalle urne, si dovrà procedere a un altro modo di individuare la candidatura».

Il centrodestra ha già fatto le sue valutazioni interne ed è pronto a presentare il suo nome, con Morano che conferma l’indiscrezione data ieri da Irpinianews. «Noi abbiamo una proposta autorevole che risponde al nome di Ines Fruncillo, indicata dai gruppi di centrodestra. La nostra è una candidatura ufficiale, a meno chè il centrosinistra non riesca ad eleggere un presidente visto che hanno i numeri per farlo».

Nel frattempo, però, stanno pare partire anche i primi incontri formali tra il sindaco Ciampi e i suoi alleati, dopo quelli più informali che si sarebbero tenuti nei giorni scorsi. Gli argomenti di discussione saranno le linee programmatiche e la nascita della nuova giunta. Su quest’ultimo aspetto Morano chiarisce la sua posizione: «Sono convinto che la giunta debba essere di alto profilo tecnico e vorrei uscire dalle logiche che hanno contraddistinto le passate amministrazioni, ma anche ridurre il numero degli assessorati, portandoli al minimo possibile verso una dimensione di assoluta competenza tecnica. Poi c’è il Consiglio che sarà la parte politica».

L’idea di Morano è quella di ridurre la Giunta a 5 assessori, mentre Ciampi sembra più intenzionato a mantenere le 9 caselle. «Allo stato non ci siamo confrontati ancora sull’argomento – sottolinea il leader di centrodestra – ma al sindaco dirò che voglio ridurre la giunta a 5 assessori». Le indiscrezioni che girano negli ultimi giorni vedono Morano pronto a a proporre nomi che rispondono a Giovanni D’Ercole, Arturo Meo ed Ettore De Conciliis, con il rischio, però, di snaturare il concetto di giunta tecnica, anche se su questo aspetto arriva una precisazione: «Sono persone diverse tra di loro e, di certo, il fatto di essere dei politici  non esclude che possano essere dei tecnici molto competenti. Non è una colpa fare politica, ma queste cose che mi si attribuiscono sono campate in aria. Dobbiamo ancora ragionare sulle linee programmatiche».