Montoro, la minoranza chiede chiarimenti sul cantiere di Santa Maria degli Angeli

Montoro, la minoranza chiede chiarimenti sul cantiere di Santa Maria degli Angeli

3 gennaio 2019

“Il cantiere di S. Maria degli Angeli a Torchiati di Montoro? Un porto delle nebbie”. Inizia così la nota a firma Salvatore Carratù, Francesco Tolino e Sinistra italiana Montoro – Montoro bene comune.

“Alle preoccupazioni di tanti, cittadini e tecnici del territorio, rispetto ai lavori che si stanno portando avanti su uno dei monumenti che meglio hanno resistito, fino ad ora, alle ingiurie del tempo e degli uomini l’amministrazione comunale ha preferito non rispondere delegando tutto ad una nota tecnica”.

“Prendiamo atto che i responsabili del cantiere hanno sottolineato la conformità del progetto ai pareri ed alle autorizzazioni prescritte per legge. La questione – politica e di merito – però resta. E’ giusto prendere un pezzo della storia di Montoro, il convento di Santa Maria degli Angeli, e stravolgerne la struttura per farne un polo scolastico? È plausibile ed è possibile?”

“Per quanto ci riguarda assolutamente no. E, soprattutto, dopo aver letto le posizioni espresse da tecnici ed architetti che pongono interrogativi sul fatto che la struttura non può diventare un edificio ad uso quotidiano come è una scuola ma va conservato così come è”.

“Ed ancora, sulla compatibilità degli interventi di spicconatura, di aperture di nuovi vani porta, portoni d’ingresso, della costruzione della scala in cemento armata interna e quella esterna di sicurezza in cemento armato e ferro, dei setti in cemento armato per il vano ascensore. Per restare agli interventi più “invasivi”. Ai dubbi ed agli interrogativi, dall’amministrazione non sono arrivate risposte. Ci attendiamo chiarimenti rispetto a dei lavori che rischiano di compromettere un bene parte del patrimonio storico ed architettonico della nostra Montoro”.