Montoro Historic car club, buona posizione ad Amalfi

22 marzo 2011

Domenica 20 marzo si è tenuta ad Amalfi, la seconda rievocazione storica della “Coppa della Primavera” ritenuta la più bella ed emozionante cronoscalata dei tempi d’oro dell’automobilismo sportivo.Nell’emozionante scenario della Costiera amalfitana, sono partiti da Avellino ben cinque equipaggi, oltre quelli della scuderia del Montoro Historic Car Club venuti in massa all’evento organizzato dagli stessi in collaborazione con il Road Legends Sorrento. Come sempre si piazza sul podio, al secondo gradino questa volta, il veterano Pino Maccario e il suo formidabile navigatore, il maresciallo Aldo Bavaro, su Alfa Romeo Gt 1600 junior ad una sola penalità dal primo classificato Enzo Nigro su Lancia Fulvia Hf. Ottima la prova di Emilio Maccario e del suo fedele navigatore Davide Bolognese su Lancia Fulvia coupè 1,3s che si piazzano al quinto posto con qualche dubbio sulla prova disputata. All’ottavo posto si piazza Carmine Maccario (che negli anni ottanta aveva disputato da pilota la stessa cronoscalata) e il suo navigatore Giovanni Bavaro su Porsche 911 targa. La Scuderia Partenio si piazza prima nel trofeo delle scuderie grazie alle ottime prestazioni dei Maccario che davanti alla Lancia 037 di Lucio Peruggini (la stessa che il padre usò nelle sue spettacolari gare), una Renault 5 Maxi Turbo, una Fiat Ritmo Trivellato, una Radical Suzuki e una Ferrari Testarossa non si sono fatti impressionare e hanno svolto la gara più bella del mondo in serenità, portando a casa quello che c’era da portare.