Montemiletto, defibrillatore salva la vita ad un 50enne: ricoverato al Moscati

Montemiletto, defibrillatore salva la vita ad un 50enne: ricoverato al Moscati

29 dicembre 2018

Defibrillatore salva la vita a un 50enne di Montemiletto, ora ricoverato al Moscati di Avellino. L’uomo, subito dopo l’intervento di pronto soccorso, è stato trasferito alla Città Ospedaliera, dove dovrà essere sottoposto molto probabilmente a un intervento.

L’episodio si è verificato la scorsa sera nella piazza principale di Montemiletto. L’uomo ha avvertito improvvisamente un malore, accasciandosi a terra. Il primo a rendersi conto dell’accaduto e a prestare soccorso è stato Angelo Manganiello, un militare appartenente alla Brigata Bersaglieri Garibaldi ed effettivo al 4° Reggimento Carri di Persano. Con molto coraggio e tenacia, nonostante la gravità della situazione, il militare ha creduto nel salvare la vita al 50enne. Un comportamento encomiabile che ha fatto onore alla comunità di Montemiletto e all’intera Forza Armata.

In seguito l’intervento di un operatore della Pubblica Assistenza locale che, utilizzando il defibrillatore dato in dotazione dalla stessa associazione al Comune e alla locale comunità, ha rianimato il malcapitato.

“Sono stati attimi di grande paura e tensione, fortunatamente il pronto intervento ha evitato il peggio. La situazione è delicata, speriamo che vada tutto bene. La nostra comunità è vicina allo sfortunato amico”, precisa il presidente della P.A. Italo Petrillo.

Il defibrillatore è sistemato in una teca, alla quale hanno naturalmente accesso solo le persone formate e in grado di utilizzarlo correttamente, proprio nella piazza centrale del paese. “Tutti i comuni dovrebbero averne uno – continua Petrillo – è uno strumento troppo prezioso per salvare vite umane. Non ci stancheremo mai di fare attività di informazione e sensibilizzazione”.

La P.A. Montemiletto, in collaborazione con il dottore Antonio Di Benedetto, formerà nel nuovo anno altre 20 persone gratuitamente. “E’ importante – conclude Petrillo – che ci siano sempre più persone in grado di utilizzare il defibrillatore. In questo modo si alza il livello di sicurezza dei nostri concittadini”.