Montefredane – Vertenza Iapiter, Di Milia: “Rush finale”

25 luglio 2006

Montefredane – Ore decisive per il futuro dei lavoratori Iapiter. Provincia e Prefettura hanno assicurato ampia disponibilità e sincere garanzie affinché si chiuda entro qualche giorno la vertenza dello stabilimento montefredanese. Le forze sindacali hanno incontrato ieri mattina il vice Prefetto Silvana Tizzano e l’assessore provinciale alle Attività Produttive Giuseppe Di Milia per sollecitare l’apertura di un confronto fra i soggetti istituzionali interessati. Un colloquio informale ma assolutamente produttivo. “Si tratta di un’azienda dalle grandi potenzialità – ha spiegato l’assessore Di Milia – con maestranze competenti e attrezzature all’avanguardia. Insomma un pacchetto importante che non intendiamo disperdere. Oltretutto in gioco c’è il futuro occupazionale di 120 lavoratori. Bisogna attendere l’osservazione, da parte del Tribunale fallimentare, delle offerte di fitto o acquisto dopo una attenta valutazione… ma siamo ottimisti”. Al vaglio del Giudice delegato del fallimento Prefim (dal quale la Iapiter ha ottenuto il fitto dello stabilimento di produzione) due opzioni: la cessione in fitto dell’azienda ad una nuova società che ne garantisca la continuità produttiva, oppure la vendita dei beni ad eventuali imprese che intendano investire nello stesso comparto produttivo. In pole c’è l’ipotesi Prefab. L’azienda leader nel settore dei prefabbricati in cemento armato, attualmente impiantata nei pressi della Iapiter, potrebbe essere la ‘panacea’ di tutti i mali. “Subentrando in fitto – spiega il Segretario della Filca Cisl Mario Melchionna – la Prefab, affine in termini di produzione alla Iapiter, riuscirebbe a garantire la stessa produttività utilizzando la medesima manodopera”. (di Marianna Morante)