Monteforte Irpino, quaranta immigrati trasferiti in altre strutture della provincia

Monteforte Irpino, quaranta immigrati trasferiti in altre strutture della provincia

3 marzo 2017

Quaranta dei cinquantacinque immigrati presenti nella struttura di Via Aldo Moro a Monteforte Irpino sono stati trasferiti presso altre unità abitative collocate nella provincia di Avellino. I quindici extra comunitari che tuttora dimorano nel centro di accoglienza di Monteforte verranno impiegati in attività con finalità sociali, indirizzate ad una più rapida ed efficace integrazione nella comunità.

La Prefettura di Avellino, a seguito della documentazione prodotta dall’amministrazione comunale di Monteforte Irpino e compulsata dalla stessa, ha garantito una continua attenzione sulla vicenda, con occhio vigile in particolare sullo stabile di Via Aldo Moro. Lo scopo sarà ovviamente quello di verificare la possibilità di trasferire le restanti quindici unità in altri centri.

Nelle scorse settimane, infatti, una delegazione composta dal Sindaco Giordano, l’Assessore Valentino e il Segretario Generale Moschella, ha incontrato il Prefetto Sessa per sollecitare l’Ufficio Territoriale del Governo ad interessarsi affinché nell’immediato la cooperativa aggiudicataria del servizio provvedesse al trasferimento di quaranta migranti in altri istituti, fatte salve le ulteriori verifiche di competenza. “E’ giusto che si ridimensioni la cultura dell’accoglienza basata sull’emergenza – ha spiegato l’Assessore Giulia Valentino – e si ragioni compiutamente di nuovi istituti quali lo SPRAAR, che vedono come diretti protagonisti i comuni e il Ministero degli Interni.”

“Questo – continua la Valentino – consentirà maggiore controllo del territorio, maggiore umanità nei confronti degli immigrati, riduzione e controllo del numero degli stessi presso le strutture ospitanti, ed attuazione di progetti, preventivamente approvati dal Ministero, per un proficuo impiego in attività sociali al fine di una concreta integrazione”.