Monteforte, grande soddisfazione per il Comitato Bersani

5 dicembre 2012

Confermata la vittoria di Bersani anche a Monteforte dove il segretario del Partito Democratico ha raccolto 198 voti, contro i 119 di Renzi. Nonostante l’afflusso degli iscritti sia stato inferiore a quello della prima tornata elettorale, attestandosi a quota 317, Bersani ha ampliato le distanze. Queste le dichiarazioni della referente del coordinamento del comitato Bersani di Monteforte, Giovanna della Bella, che in questi mesi oltre a tutti i componenti è stata affiancata dalla stretta collaborazione dei membri Salvo Meli, Giuseppe Luongo e Raffaello Freda. “Siamo più che soddisfatti del lavoro svolto da tutto il comitato, i cui membri hanno lavorato con grande senso di responsabilità per sostenere il Segretario del Partito Democratico “ ha affermato la della Bella . “Tutti abbiamo riconosciuto in lui non il leader ma l’uomo che ha saputo esercitare la vera democrazia accettando le novità e proponendole senza temere il confronto; l’ uomo che si è saputo rinnovare accettando le istanze innovative avanzate da Renzi e dal popolo del PD. Tornando al nostro Circolo di Monteforte – ha poi aggiunto la coordinatrice – fervente è stata l’attività tesa a sollecitare i cittadini ad iscriversi per partecipare alle primarie per tutto il mese di novembre, ma le giornate delle votazioni hanno visto un particolare impegno di tutti, dimostrando la grande collaborazione dei rappresentanti della coalizione di centrosinistra e il dialogo che si è creato, senza inutili polemiche, è stato il segnale inequivocabile di una linearità democratica che oggi più che mai serve a tutto il Paese. Noi, possiamo affermarlo, durante queste primarie abbiamo già potuto vedere l’Italia di domani, perché è proprio vero che è cambiato il modo di fare politica. Come in ogni questione la “pars destruens” e la “pars costruens” ,di baconiana memoria, si contrappongono, noi abbiamo visto nelle primarie della coalizione di centrosinistra integrarsi queste due componenti del discorso del PD, dove la prima ha stimolato il risveglio della seconda, che oggi festeggia l’unità raggiunta. L’augurio è che da questo nasca una politica finalmente nuova, serena e civile”.