Montaguto – Frana, l’impegno dell’Ente montano per la popolazione

23 luglio 2006

Montaguto – La Comunità Montana dell’Ufita, pur non avendo competenza piena, è intervenuta rapidamente per andare incontro alle popolazioni colpite dalla frana, verificatasi nel territorio del comune di Montaguto, procedendo allo stanziamento di quindicimila euro per la realizzazione di interventi di somma urgenza sulla strada che finora è stata utilizzata per bypassare la statale 90, chiusa al traffico per impraticabilità. “Le opere hanno evitato che le popolazioni rimanessero isolate, essendo quella l’unica via di collegamento verso Ariano Irpino. Non siamo in grado di intervenire direttamente – precisa il presidente Giuseppe Solimine – ma abbiamo comunque assunto alcune iniziative per cercare di alleviare l’enorme disagio sofferto dalla gente del posto”. Oltre al risanamento della strada che attraversa il comune di Savignano Irpino, l’Ente, come spiega Solimine, ha cercato di svolgere il ruolo di raccordo tra gli attori preposti e le amministrazioni locali e proprio in occasione dell’ultima riunione del Consiglio provinciale Solimine ha proposto all’assemblea di votare l’ordine del giorno sull’argomento specifico, registrando l’unanimità da parte dei colleghi. “Insomma, il ruolo di difesa territoriale svolto dalla Comunità Montana dell’Ufita si sta rafforzando ogni giorno di più; registro con soddisfazione che l’idea di fare sistema, andando oltre la logica del campanile, da me lanciata in ogni occasione possibile, sta ottenendo buoni risultati. Saluto, quindi, con piacere la visita a Montaguto del capo della Protezione Civile, anche per la notizia ufficiale che egli è venuto a comunicare, e mi auguro che gli interventi possano partire al più presto”.