Money Gate: Taccone e De Vito rischiano il processo

Money Gate: Taccone e De Vito rischiano il processo

21 marzo 2019

Dal processo sportivo archiviato positivamente al rischio di quello penale. E’ passato quasi un anno dal proscioglimento al secondo grado sportivo dell’Avellino Calcio, di Walter Taccone e di Vincenzo De Vito. Ma l’incubo Money Gate torna.

Gli allora patron e direttore sportivo, difesi dall’avvocato Innocenzo Massaro, si ritrovano ora ad affrontare l’iter della magistratura ordinaria che il prossimo 20 settembre valuterà se celebrare o meno il processo per il presunto tentativo di combine relativo alla partita Catanzaro-Avellino del 5 maggio 2013.

Il sostituto procuratore Anna Chiara Reale ha infatti chiesto il rinvio a giudizio per loro e per Giuseppe Cosentino (ex presidente giallorosso), Armando Ortoli (ex diesse dei calabresi) e Andrea Russotto (ex attaccante). Tutti con l’accusa di frode sportiva.