Milano – Truffa derivati: tra gli imputati il figlio di Bassolino

17 marzo 2010

Milano – Su disposizione del gup Simone Luerti sono state rinviate a giudizio 13 persone (tra cui 11 funzionari di banca e 2 manager) e 4 banche (Deutsche Bank, Ubs, Gp Morgan, Depfa Bank) nell’ambito dell’inchiesta pilota avviata a Milano per truffa aggravata nell’ambito dei derivati stipulati dal Comune di Milano.
Si tratta del primo processo sulle emissioni di bond di questo tipo. L’udienza è fissata per il 6 maggio davanti ai giudici della quarta sezione penale del tribunale di Milano.
Secondo il procuratore aggiunto Alfredo Robledo, titolare dell’indagine, ci sarebbero state gravi irregolarità nell’emissione di bond da 1 mld e 685 mln sottoscritti dal Comune di Milano dal 2005 al 2007. Secondo l’accusa dall’emissione dei derivati gli indagati avrebbero fatto guadagnare alle banche circa 100 mln ai danni del Comune.
Tra gli imputati figurano anche Gaetano Bassolino, figlio del Governatore della Campania, Simone Rondelli, ex funzionario di Gp Morgan, Giorgio Porta, ex direttore generale di palazzo Marino e Mauro Mauri, esperto nella ristrutturazione del debito contratto dall’amministrazione locale.