Migliore difende De Luca: “Nessuna pressione clientelare”

Migliore difende De Luca: “Nessuna pressione clientelare”

24 novembre 2016

Stamane ad Avellino si è tenuto un confronto referendario promosso dal Comitato degli avvocati per il Sì con Luigi Famiglietti ed il Sottosegretario alla Giustizia, Gennaro Migliore.

“Sta diventando una sfida per il futuro dell’Italia – ha detto Migliore – il fronte del No  cerca di trasformarlo in una redde ratione sul futuro del Governo. Il Paese con il sì risparmierà dei soldi, taglierà privilegi e poltrone. Per il Mezzoggiorno mettiamo in ordine le competenze di Stato e Regioni. Vogliamo che i diritti siano uguali per tutti.”

Incalzato dai cronisti Migliore difende a spada tratta il governatore della Campania De Luca:

“De Luca nominato Commissario alla Sanità Campana non è un regalo del Governo, la sanità è un diritto e i principi generali devono essere dettati dal Governo, la gestione e la programmaziuone rimangono in capo alla Regione. Spero che quest’ulteriore impegno del presidente De Luca sia redditizio”.

“Non c’è stata nessuna pressione clientelare di De Luca – continua l’ex deputato Sel – andremo a vedere cosa succede. Antimafia? Sono atti ordinari, per quanto mi riguarda non c’è niente.”

E sulla questione relativa alle trivellazioni:

“La competenza sulla politica energetica resta regionale, il potere di fare trivellazioni non è legato alla riforma costituzionale ma ad altre leggi già approvate. E a seconda delle varie paure rincorse fino ad oggi, in Campania non c’è stata alcuna trivellazione selvaggia.”