Mercogliano – Si alza il sipario di “Castellarte”

23 luglio 2008

Mercogliano – Da venerdì 25 a domenica 27 luglio si alza il sipario su Castellarte – Rassegna internazionale di Artisti in Strada – Rosso di sera che da 15 anni porta il meglio dei buskers, degli artisti circensi e degli “street performers” d’Europa a Capocastello, borgo medievale di Mercogliano per tre notti di festa picaresca e creatività a tutto tondo.
“Artisti In Strada” perché il festival punta innanzitutto sulla qualità del cast, selezionato nei grandi eventi europei e in collaborazione con rassegne italiane blasonate come il Ferrara Busker’s Festival; artisti che, in estate, abbandonano i teatri, i circhi o le sale da concerto, per assaporare la libertà dell’esibizione a contatto di pelle con il pubblico, in una situazione in cui i ruoli – artista/spettatore – quasi si confondono.
Nel cast spiccano eccezionali presenze come il duo svizzero-statunitense dei “Full House”, il duo di acrobati cileni “Los Chatos”, il tedesco Willy Wonder con la sua folle rilettura degli anni della “disco music”, lo straordinario Chris Lynam applaudito alla tv inglese, il pluripremiato burattinaio internazionale Pane Temov ma anche i toscani della folle “marching band” che porta il nome di Fantomatik Orchestra e, direttamente da Zelig, Luca Regina con la sua stralunata prestidigitazione.
Musica vintage con il rockabilly dei The Capone Bros e dei Charlie Rock, lo swing degli Spaghetti Style, l’afro beat degli svizzeri Felas e dei romani Funkallisto, lo ska anni ’60 di Al & The Maskalzones e Serino Skalo e teatro, con il Co.C.I.S. e “Lo strano sogno di Compà Prisco e Compà Mostino” e Gaetano Franco che, con la sua “Posteggia di Pulcinella” mostrerà il volto del clown campano per eccellenza.
Grande attenzione anche all’enogastronomia di qualità nel ristorante di Castellarte che, quest’anno, sarà curato dai fratelli Claudio e Carmelo Ferraro della “Taverna L’Orto di Virgilio” che proporranno il loro “viaggio tra cibo e poesia”, con le ricette della tradizione e i profumi delle erbe officinali del Monte Partenio.
La manifestazione, nata per strappare all’incuria il borgo di Capocastello, ha da sempre una forte attenzione ai temi social; il titolo di quest’anno “Rosso di sera” allude, infatti, al naso rosso dei clown-dottori per sostenere i quali, nelle tre sere di festa, sarà possibile acquistare un “naso rosso solidale” il cui ricavato andrà all’associazione “La Compagnia del Sorriso Campania Onlus”.
“Il villaggio dei libri” è la vetrina dedicata alla preziosa opera degli editori irpini che, insieme alle botteghe artigiane ed alle mostre collocate nei caratteristici “cellari” (locali terranei un tempo adibiti a stalla o cantina) vanno a completare l’offerta ricchissima che da quindici anni Castellarte prepara per i suoi oltre 50,000 visitatori. (di Italia Manzione)