Mercogliano – Saccardo in Sri Lanka per la prima pietra di IrpiniaPitya

17 giugno 2005

MERCOGLIANO – Un viaggio in Sri Lanka per dare un contributo umile e sincero ai popoli più disagiati. E’ con questo spirito sommesso e a luci spente che il primo cittadino Tommaso Saccardo, nella giornata di oggi, si è recato nel continente asiatico, da poco reduce della strage del violento maremoto dello scorso 26 dicembre, pronto a vivere un’esperienza concreta di arricchimento interiore. Un esempio di solidarietà fatta di piccoli gesti che vede ancora una volta protagonista la Provincia di Avellino attraverso il progetto “IrpiniaPitya” avviato e promosso dal parroco di Mercogliano, don Giuseppe Iasso. Lo scorso giovedì mattina, presso la sede dell’ente di Palazzo Caracciolo, il presidente della Provincia, Alberta De Simone ha apposto firma alla pergamena per la posa della prima pietra del villaggio che sarà realizzato tra Chilaw e Negombo, località distrutte dal terribile tsunami. Intervenuti don Giuseppe, il sindaco ed il vicesindaco di Mercogliano, Tommaso Saccardo e Massimiliano Carullo. L’obiettivo è quello di costruire cento case con i servizi di prima necessità, pozzi artesiani ed ancora una scuola materna e un centro di comunità. Si tratta di un progetto reso possibile, oggi, grazie all’impegno di don Giuseppe ma che è risultato di tanti gesti di solidarietà di enti, comunità religiose e semplici donatori. Mercoledì 22 giugno, una delegazione di Mercolgiano sarà presso la diocesi Chilaw in località Samidugama Iranavila West per consegnare la pergamena che ufficializzerà l’avvio dei lavori. Un percorso in linea con le linee guida dell’ incontro internazionale tenutosi lo scorso inverno presso il Comune di Mercogliano. Il primo cittadino Tommaso Saccardo incontrò per l’occasione l’ambasciatore dello Sri-Lanka per un momento di riflessione civile e di preghiera sulle tragiche vicende del maremoto.