Mercogliano – Omicidio Acquafidia: domiciliari per il 59enne C.V.

10 maggio 2008

C.V., 59enne di Mercogliano, dovrà scontare altri tre anni e sei mesi di carcere. L’uomo, accusato dell’omicidio di Acquafidia, ha ottenuto il benefico degli arresti domiciliari. Sono stati gli agenti della squadra mobile di Avellino a notificare il provvedimento giudiziario all’uomo accusato di omicidio volontario. Il delitto avvenne il 27 agosto del 92: da una lite per futili motivi nei pressi di una fontana scaturì l’aggressione nei confronti di una comitiva di napoletani colpiti con coltelli e motosega. Un ragazzo di 20 anni perse le vita a causa delle gravi ferite riportate nella rissa.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.