Mercogliano, La Margherita diffida Valente: “Ha utilizzato abusivamente il nostro simbolo”

24 marzo 2005

MERCOGLIANO – Amministrative a Mercogliano: il coordinamento provinciale della Margherita diffida il candidato a sindaco Modestino Valente per “aver utilizzato abusivamente il simbolo del partito ai fini della propaganda elettorale ed il portavoce del circolo 16 marzo, Roberto Greco nonché gli organi d’informazione dall’utilizzare il simbolo del partito attraverso ogni strumento di comunicazione al pubblico e ricorda che il partito de La Margherita nella competizione amministrativa di Mercogliano ha deciso di lasciare liberi i propri elettori di scegliere una delle due liste. Pertanto anche il richiamo, da parte di una delle liste, al partito Dl – La Margherita, nonché alla coalizione di centrosinistra, L’Unione, sul piano nazionale, rimane nell’ambito dell’ispirazione e non dell’identificazione. Il coordinamento provinciale confida sulla sollecitudine che il candidato sindaco Valente, e in particolare il portavoce di un circolo locale della Margherita, dovranno adoperare per bloccare messaggi di propaganda elettorale ingannevoli e recuperare rispetto ad un atteggiamento di grave scorrettezza politica verso l’organismo politico provinciale del partito Dl – La Margherita. In tal modo si evita a questo coordinamento provinciale di intraprendere iniziative sul piano formale al fine di tutelare la propria immagine, la propria identità e il proprio simbolo e garantire i cittadini, il partito e la politica stessa”. Ed ora la replica: “Siamo fuori – risponde Modestino Valente – dalle questioni della piccola bottega politica. Il nostro simbolo non è la Margherita come qualcuno accusa ma un arcobaleno nuovo fra l’altro nella simbologia adottata. Se ci sono contrasti tra la Margherita provinciale e quella presente sul territorio è ingiusto che venga strumentalizzato”.