Mercato, il punto sull’attacco: l’addio di Castaldo è possibile

Mercato, il punto sull’attacco: l’addio di Castaldo è possibile

13 giugno 2018

di Claudio De Vito – Luigi Castaldo lontano da Avellino. Un’ipotesi da non scartare affatto perché la distanza sul prolungamento del contratto in scadenza l’anno prossimo esiste e per ora non verrà colmata. Il suo agente Ernesto De Notaris avrebbe chiesto di rinnovare per altri due anni, ma l’accordo latita e la Casertana – tra tutte le pretendenti – resta con insistenza alla finestra dopo aver chiesto informazioni e formulato la sua offerta al dieci di Giugliano. Dopo sei anni di militanza biancoverde e tanti gol pesanti ecco allora che le strade potrebbero dividersi.

Se tale scenario dovesse essere confermato, l’Avellino farebbe un tentativo con il Genoa per bissare il prestito di Raul Asencio. L’attaccante ispano-brasiliano verrebbe richiesto ai rossoblu come prima scelta da valorizzare per il definitivo salto di qualità dopo i sette centri della passata stagione. Pare invece destinato a proseguire la sua esperienza in Irpinia Matteo Ardemagni, che ha ancora altri due anni di contratto. Nessuna offerta per il bomber milanese. L’Avellino farebbe leva sulla sua voglia di riscatto dopo un’annata deludente.

Benjamin Mokulu sarà pronto per il ritiro, ma sarà Michele Marcolini a valutarne l’utilità o meno per il suo attacco del 3-5-2. Si raffredda la pista Gabriele Gori che ha convinto a suon di gol la Fiorentina a portarlo in ritiro con la prima squadra. Difficile anche arrivare a Nicolò Zaniolo, inquadrato come seconda punta nel 3-5-2 biancoverde. più percorribile con l’Inter invece il sentiero che conduce al ’99 danese Jens Odgaard. L’Avellino però ha virato forte su Giacomo Vrioni che, dopo il prolungamento fino al 2022, potrebbe essere girato in prestito dalla Sampdoria in Irpinia. Per lui otto gol con la Pistoiese l’anno scorso. Si segue Luca Vido, pallino da diverse sessioni di mercato che potrebbe essere chiesto all’Atalanta