Maxi sequestro di sigarette di contrabbando sull’A16, arrestato un tarantino

Maxi sequestro di sigarette di contrabbando sull’A16, arrestato un tarantino

16 luglio 2016

Nel pomeriggio di ieri, il personale della Polizia di Stato appartenente alla Sezione Polizia Stradale di Avellino – Sottosezione di Avellino Ovest, sull’Autostrada A/16 Napoli-Canosa, nel corso di un normale controllo di Polizia procedeva al fermo di un’autovettura nei pressi del Km 60 del tratto autostradale, ricadente nel territorio del Comune di Montemiletto, la quale, nella circostanza viaggiava in direzione Bari.

 Il veicolo, una Fiat Punto, era condotto da un cinquantenne, D. P. originario della provincia di Taranto, gravato da numerosi precedenti penali e di Polizia, tra i quali annoverava anche il reato di contrabbando di sigarette.

Nell’immediatezza, a seguito di un approfondito e mirato controllo, veniva accertato che la persona era intenta a trasportare in maniera fraudolenta un ingente quantitativo di sigarette di contrabbando, nello specifico numero 440 stecche di sigarette di produzione estera, stipate nel vano bagagliaio e nella parte posteriore dell’abitacolo del veicolo.

In considerazione dei numerosi precedenti specifici che gravavano sul tarantino, concernenti il reato di contrabbando e per l’ingente quantitativo di tabacchi trasportati, quest’ultimo veniva tratto in arresto e su disposizione del Pm di turno presso la Procura della Repubblica di Avellino, associato presso la Casa Circondariale di Bellizzi Irpino.

I tabacchi ed il veicolo usato per il trasporto venivano sottoposti a sequestro penale ai fini della successiva confisca.

Nella circostanza, il personale operante, procedeva anche al ritiro della patente di guida del Pregiudicato ai fini dell’applicazione del successivo provvedimento di sospensione, quale sanzione accessoria per il reato di contrabbando.

Complessivamente, i 4.400 pacchetti di sigarette avrebbero fruttato sul mercato nero un guadagno stimato in circa 14 mila euro.


Latests News

Vendita di integratori alimentari online e offline: l’Iva è al 10%!

Secondo quanto reso noto dall’Agenzia delle Entrate, per la vendita

15 ottobre 2019