Maxi sequestro di marijuana sull’A16, la soddisfazione del Comandante Alfano

Maxi sequestro di marijuana sull’A16, la soddisfazione del Comandante Alfano

13 ottobre 2015

L’ultimo maxi sequestro di droga messo a segno ieri dagli agenti della Polstrada di Avellino sull’Autostrada A16 ha rappresentato senza dubbio un duro colpo inferto al traffico di sostanze stupefacenti che corre lungo l’asse Puglia-Napoli.

Grazie all’intervento del personale della Polstrada della Sottosezione di Grottaminarda, quasi mezzo milione di euro di marijuana è stato tolto dal mercato.

L’A16 – che congiunge l’area del napoletano con le province della Puglia passando per la provincia di Avellino – si conferma così uno dei canali preferenziali scelto dai trafficanti di droga per i loro commerci illeciti.

Intanto, c’è grande soddisfazione tra gli uomini di Renato Alfano, al comando della Polstrada di Avellino da meno di sette mesi.

“Dopo quella messa a segno lo scorso 18 settembre, quando vennero sequestrati più di 20 chili di marijuana – ha spiegato Alfano – quella di ieri rappresenta la seconda brillante operazione che i colleghi della Sottosezione di Grottaminarda hanno portato a termine. Rispetto alla prima, abbiamo più che raddoppiato il quantitativo di droga sequestrato”.

Alfano lancia l’allarme sulla diffusione delle droghe: “Ovviamente – dice – parliamo dello stesso filone di attività che ha portato al sequestro di settembre. Stavolta però ci siamo ritrovati di fronte ad un carico più grande. La sostanza sequestrata, dai primi accertamenti, è risultata essere composta da un principio attivo più intenso e quindi molto più lesivo per la salute umana che quelli concentrati nelle cosiddette droghe leggere. Con l’ultima operazione, speriamo di aver messo un freno sull’utilizzo della tratta dell’A16 per i traffici illeciti”.